Da molti anni, la fonte ideale di grassi omega-3 – se non si assumono regolarmente fonti sicure di frutti di mare come il salmone selvaggio dell’Alaska, sardine o acciughe – è stato l’olio di krill.

L’olio di krill è spesso paragonato all’olio di pesce, ma in realtà ci sono un certo numero di differenze tra i due che fa del krill una soluzione più ideale.

Dopo le prime critiche, nel corso degli anni il krill ha iniziato a ricevere maggiore attenzione da parte dei ricercatori, e ogni volta che un nuovo studio sull’olio finiva sui giornali, la sua lista di benefici per la salute è cresciuta sempre di più e le differenze tra olio di pesce e olio di krill si è fatto più pronunciato.

Ma partiamo dalle basi: quali sono i principali benefici che l’olio di pesce procura a chi lo assume?

Tra i principali e meno conosciuti benefici troviamo:

1. Pelle e capelli più sani

L’olio di pesce, infatti,  riduce le infiammazioni ed idrata la pelle dall’interno verso l’esterno; previene le rughe e lavora contro il processo di invecchiamento. Inoltre, l’integrazione dell’olio di pesce produce come beneficio capelli più spessi e più forti, e riduce le imperfezioni della pelle come l’acne e eczem, riducendo anche l’invecchiamento e le macchie solari.

2. E’ vitale per la fertilità e gravidanza

Il consumo di olio di pesce migliora la fertilità negli uomini e nelle donne ed è particolarmente importante durante la gravidanza.

Bilancia, inoltre, i nostri ormoni e regola i nostri cicli. Se si dispone di sindrome premestruale, di crampi pesanti durante il periodo di o endometriosi, l’olio di pesce aiuta a ridurre il dolore ed i sintomi.

3. Aiuta la perdita peso e gli sbalzi d’umore

L’olio di pesce è stato collegato al beneficio di ridurre i grassi adiposi, in particolare intorno al tronco. Aumenta inoltre i livelli di serotonina nel corpo: la serotonina è l’ormone della buona sensazione e perciò tende a migliorare l’umore.

Elencati questi primi, ma non unici, benefici che l’olio di pesce apporta, torniamo nello specifico, all’olio di krill, e distinguiamo le principali differenze che separano l’olio di krill dal generico olio di pesce:

1. Maggiore potenza

Gli studi hanno dimostrato che l’olio di krill può essere 48 volte più potente dell’olio di pesce. Questo significa che è necessario assumerne molto meno rispetto all’olio di pesce, come confermato da un studio del 2011 pubblicato sulla rivista Lipids.

2. Contiene fosfolipidi

Gli acidi grassi sono solubili in acqua, ma non possono essere trasportati nella loro forma libera nel sangue – hanno bisogno infatti di un “imballaggio”, sono quindi contenuti in veicoli di lipoproteine. Nell’olio di krill, il grasso omega-3 è collegato ai fosfolipidi, il che significa che il corpo può facilmente assorbirli.

Nell’olio di pesce,invece, gli omega-3 sono attaccati ai trigliceridi, che devono essere ripartiti nel vostro intestino dai suoi acidi grassi di base di DHA ed EPA. Quindi, circa dall’80 al 85 per cento dell’assunto viene semplicemente eliminato nel vostro intestino. Gli studi confermano che l’olio di krill viene assorbito da 10 a 15 volte meglio rispetto all’olio di pesce.

3. Resiste all’ossidazione

L’olio di pesce è abbastanza incline all’ossidazione, e l’ossidazione porta alla formazione di radicali liberi, ed il consumo di radicali liberi aumenta ulteriormente il vostro bisogno di antiossidanti.

L’olio di pesce è a bassissimo contenuto di antiossidanti, mentre l’olio di krill contiene astaxantina – probabilmente il più potente antiossidante in natura – ed è per questo che l’olio di krill è così stabile e resistente all’ossidazione.

4. Privo di contaminazioni tossiche

I pesci sono molto inclini al mercurio e alla contaminazione da metalli pesanti, a causa del diffusissimo inquinamento delle acque marine. Il krill antartico non è incline a questa contaminazione.

Non solo sono raccolti dalle acque più pulite, ma dal momento che il krill è alla base della catena alimentare, si nutre di fitoplancton e non da altri pesci contaminati.

5. E’ ecosostenibile

Il Krill è molto più ecosostenibile del pesce, perché è la più grande biomassa nel mondo, e la raccolta del krill è stata resa come una delle pratiche più sostenibili del pianeta. La raccolta di krill è anche accuratamente regolata, e solo 1 a 2 per cento della biomassa totale krill viene raccolta ogni anno.

La popolazione di krill è monitorata dalla Commissione per la conservazione delle risorse biologiche dell’Antartico (CCAMLR). Il Marine Stewardship Council (MSC) certifica che la raccolta viene fatta in conformità con rigorosi criteri di sostenibilità al fine di evitare la pesca eccessiva.

Ora spostiamoci più a fondo: sull’effetto che quest’olio ha sui nostri geni.

Ora sappiamo che i vari tipi e fonti di omega-3 influenzano il tessuto epatico in modo diverso, che è ciò che uno studio del 2011, sulle frontiere della genetica, ha progettato di esaminare. Questo studio si basa sul confronto di fegati di topi nutriti con olio di krill con quelli nutriti con olio di pesce, cercando l’innescamento dell’espressione genica da ciascuna. Sebbene sia l’olio di pesce che l’olio di krill contengono omega-3, sono comunque due fonti molto diverse nel modo in cui influenzano i geni che controllano il metabolismo.

L’anno scorso, uno studio ha confermato che l’olio di krill aiuta a migliorare il metabolismo del glucosio e la funzione mitocondriale, che può aiutare a proteggere contro steatosi epatica (malattia del fegato grasso) causata da una dieta inadeguata (come ad esempio le diete ad alto contenuto di grassi malsani) .

Nel stimolare alcuni percorsi metabolici mitocondriali, tra cui l’ossidazione degli acidi grassi, complessi della catena respiratoria e il ciclo di Krebs, olio di krill aiuta a ripristinare sana energia mitocondriale. L’olio di krill può aiutare a prevenire decine di malattie e serve per aiutare a prevenire o invertire almeno due dozzine di diverse malattie.

La maggior parte delle persone possono beneficiare di omega-3

Mentre si consiglia di ottenere la maggior parte delle vostre esigenze nutrizionali dal cibo vero e proprio, ci sono casi in cui l’integrazione rende comunque molto di più. L’omega-3 su base animale è un modo, dato che la maggior parte dei pesci sono semplicemente troppo contaminati per essere mangiati in grandi quantità. (Eccezioni includono salmone selvatico pescato e più piccoli pesci grassi come sardine e acciughe.)

Non commettere errori su questo, i grassi omega-3 di origine animale sono davvero fondamentali per una salute ottimale, e molti americani sono gravemente carenti di questo nutriente. E a peggiorare le cose, la maggior parte delle persone consumano anche troppi grassi omega-6, che si trovano negli oli vegetali e in prodotti alimentari trasformati.

Secondo una ricerca pubblicata nel 2009, la carenza di omega-3 può causare o contribuire a un massimo di 96.000 morti premature ogni anno. Basse concentrazioni di EPA e DHA hanno dimostrato portare ad un aumento del rischio di morte per tutte le cause e accelerare il declino cognitivo.

Coloro che soffrono di depressione sono stati anche trovati ad avere livelli più bassi di omega-3 nel sangue rispetto agli individui non depressi.

Indipendentemente dalla vostra età e sesso, l’aggiunta di un supplemento di omega-3 di origine animale di alta qualità come l’olio di krill alla vostra dieta quotidiana è una delle strategie più semplici ed efficaci che sia possibile implementare per proteggere la vostra salute.

Le donne incinte hanno bisogno di prestare particolare attenzione a questo consiglio, come la maggior parte delle donne che hanno maggiori carenze di questo grasso, perchè possono significare guai per il vostro bambino.

E ‘importante rendersi conto che il vostro corpo non può formare grassi omega-3, quindi un feto deve ottenere tutti i suoi grassi omega-3 dalla dieta della madre. Quindi le assunzioni di una madre di DHA influenzano direttamente lo stato DHA del feto in via di sviluppo, che può avere un impatto sullo sviluppo del cervello del bambino e la salute degli occhi.

Allo stesso modo, l’allattamento al seno per i neonati dipende dai grassi omega-3 del latte materno, quindi è essenziale che le donne abbiano un approvvigionamento adeguato di omega-3 per supportare sia la loro salute che del loro bambino proprio e durante questo tempo.

Considerazioni quando si acquista Krill integratori di olio

Quando si seleziona un integratore di olio di krill, tenere i seguenti fattori in mente:

-Assicurarsi che sia fatto da krill antartico, in quanto è di gran lunga il più abbondante.

-Verificare che l’azienda abbia una certificazione di sostenibilità valido dalla MSC, che assicuri che sia raccolto in conformità con gli standard internazionali di conservazione.

-.L’olio deve essere anche privo di metalli pesanti, PCB, diossine e altri contaminanti.

Capsule rigide sono preferibili alle normali capsule per il fatto che quest’ultimo permette che più ossigeno raggiunga il contenuto, che promuove l’ossidazione (cioè accelera irrancidimento). In assenza di ossigeno, nessuna ossidazione può avvenire. Anche se l’olio di krill contiene astaxantina, che diminuisce in modo significativo l’ossidazione, le capsule rigide aggiungono ulteriore protezione, garantendo la massima freschezza ed efficacia.

I benefici per la salute di olio di pesce sono la sua capacità di aiutare nel trattamento di varie malattie di cuore, colesterolo alto, depressione, ansia, ADHD, di sistema, cancro, diabete, infiammazioni, artrite, IBD, AIDS, morbo di Alzheimer, disturbi agli occhi indeboliti, degenerazione maculare e ulcere.

Aiuta anche la perdita di peso, aiuta una gravidanza sana, la fertilità e la cura della pelle (in particolare per le condizioni come la psoriasi e l’acne).

La maggior parte dei benefici per la salute di olio di pesce può essere attribuito alla presenza di omega 3, acidi grassi essenziali come l’acido docosaesaenoico (DHA) e acido eicosapentaenoico (EPA). Altri acidi grassi essenziali utili in olio di pesce sono l’acido alfa-linolenico o acido ALA e gamma-linolenico o GLA.

Mentre l’olio di pesce ha un sacco di qualità benefiche, ci sono molte applicazioni possibili, e non tutte sono accurate, bisogna perciò essere cauti quando si leggono informazioni su questo olio utile. I produttori di olio di pesce hanno tentato il mercato come un rimedio per quasi tutto. Qui di seguito, esploreremo i vari, comprovati vantaggi di olio di pesce, alcuni dei quali sono basati su prove scientifiche concrete, mentre altri si basano su studi sugli animali solo.

Suggeriamo ai lettori di educare se stessi completamente prima di prendere una decisione informata, piuttosto che essere colpiti sia da propaganda negativa che positiva e in modo da assicurarsi le applicazioni benefiche dell’olio di pesce.

I diversi tipi di pesce che possono essere una buona fonte del suo olio sono lo sgombro, trota iridea, trota di lago, halibut, aringa, branzino, sardine, pesce spada, ostriche, tonno bianco, tonno rosso, tonno pinna gialla, rombo, sardine , alici e salmone. I più comuni tra questi per l’ottenimento di olio sono tonno bianco, aringa, sgombro, sardine, trota di lago e salmone. La qualità di olio di pesce dipende molto dal tipo di pesce da cui si recupera l’olio.

Ulteriori benefici attraverso i quali l’oliodi pesce influisce sulla salute

Perdita di peso: E ‘stato anche reso popolare come un aiuto per perdere peso. La ricerca condotta dal professor Peter Howe presso la University of South Australia ha dimostrato che l’olio di pesce migliora l’efficacia di esercizio nel tentativo di ridurre il peso. I volontari che hanno assunto l’olio di pesce nella loro dieta hanno mostrato una maggiore perdita di peso rispetto a coloro che non consumano regolarmente. Esercizio fisico combinato con l’olio ha un effetto positivo sulla forma del corpo e la composizione dei pazienti partecipanti.

Migliorata immunità: Si ritiene che il consumo regolare di olio di pesce aiuti a rafforzare il sistema immunitario, consentendo in tal modo a resistere l’insorgenza di malattie comuni come il raffreddore, tosse e l’influenza. Gli acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce rafforzano il sistema immunitario effettuando l’attività e la quantità di citochine e eicosanoidi presenti nel nostro corpo. I ricercatori hanno studiato l’effetto di farina di pesce e olio di pesce sul sistema immunitario dei suini e scoperto che l’olio di pesce ha aiutato nella crescita degli animali. Una ricerca simile condotta su topi a Taichung Veterans General Hospital, Taiwan, ha anche dato risultati positivi.

In sostanza, l’olio di pesce ha il potenziale per migliorare il sistema immunitario degli esseri umani, ma ancora una volta, sono necessarie ulteriori ricerche sugli esseri umani. L’olio di pesce è anche vantaggioso per i pazienti affetti da lupus, che è una malattia autoimmune caratterizzata dal sistema immunitario che attacca i propri organi e tessuti. Gli studi hanno anche dimostrato l’olio di pesce aiuta a ridurre la febbre associata, eruzioni cutanee e stanchezza.

Proprietà antinfiammatorie: olio di pesce è efficace nel ridurre l’infiammazione nel sangue e nei tessuti. Il consumo regolare di olio di pesce integratori, compresse, pillole e capsule è utile per coloro che soffrono di malattie infiammatorie croniche. L’olio di pesce è efficace nel trattamento dei disturbi gastrointestinali, la malattia celiaca, sindrome dell’intestino corto e malattia infiammatoria intestinale (IBD) tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, che sono entrambi i disturbi tipici dell’intestino. I pazienti affetti da morbo di Crohn spesso difficoltà ad assorbire le vitamine, grassi e integratori essenziali. supplementi di olio di pesce sono una dieta efficace per tali termini patients.In della colite ulcerosa, olio di pesce previene l’accumulo di leucotriene sul colon. La ricerca è stata condotta anche per aumentare la reputazione anti-infiammatori di olio di pesce, in particolare quando combinato con altri integratori alimentari e drugs.

Arthritis: L’olio di pesce è utile nel trattamento di artrite, reumatismi, sintomi di Raynaud e condizioni simili. Utilizzando l’olio di pesce può aiutare a ridurre la necessità di grandi dosi di FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei). Il Royal Adelaide Hospital e della University of Newcastle, entrambi i quali si trovano in Australia, hanno riferito che grandi quantità di olio di pesce hanno dimostrato effetti positivi sul trattamento di artrite. In caso di artrosi, olio di pesce può essere utile nel ridurre l’impatto degli enzimi che distruggono cartilage.However, dal momento che il dosaggio di olio di pesce richiesto per un effetto ideale nel miglioramento di un paziente è sconosciuto, il Centro di artrite presso il Dipartimento di Reumatologia alla John Hopkins University ritiene tra cui gli acidi grassi omega 3 e olio di pesce nel trattamento dell’artrite controversa. L’Università avverte, inoltre, che i pazienti con artrite devono stare attenti a tutti gli altri effetti collaterali che possono venire da utilizzare di olio di pesce. Si può leggere di più su artrite sul sito della Arthritis Foundation e l’artrite Center.

Depression e ansia: A causa della presenza di acidi grassi Omega 3, l’olio di pesce è stato promosso per alleviare la depressione, tristezza, ansia, irrequietezza, stanchezza mentale, lo stress, diminuzione del desiderio sessuale, tendenze suicide e altri disturbi nervosi. I ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, Ohio, nella loro pubblicazione di ricerca dal titolo “oli di pesce e disturbo bipolare: una promettente ma testato trattamento”, affermano che l’olio di pesce può essere utile nella stabilizzazione dell’umore e il trattamento dei disturbi bipolari . È sorprendente, quindi, che si è trovato che i paesi in cui il pesce viene spesso consumato hanno una bassa incidenza di depressione. Allo stesso modo, la ricerca condotta sui prigionieri ha dimostrato che quando i prigionieri sono stati dati frutti di mare che contiene maggiore quantità di acidi grassi omega-3, c’è stato un calo significativo nel tasso di omicidi e la frequenza della violenza. L’assunzione di pesce è anche un buon rimedio per la depressione. I risultati di uno studio di ricerca suggerisce che il consumo di pesce può essere benefico per la salute mentale delle donne e ridurre il rischio di sviluppare la depressione nei disturbi women.

Benessere visivo: E ‘ben noto che l’olio di pesce ha la capacità di migliorare la visione. Aiuta anche a evitare la degenerazione maculare legata all’età. Il National Eye Institute presso il National Institute of Health negli Stati Uniti, prevede di condurre uno studio a livello nazionale per valutare l’effetto di olio di pesce nel trattamento della degenerazione maculare. Questo studio fornirà una forte evidenza scientifica per quanto riguarda i benefici dell’olio di pesce per la cura degli occhi, consentendo in tal modo le agenzie governative e ai medici di raccomandare con forza l’olio di pesce per la malattia maculare di degeneration.

Contro l’Alzheimer: una ricerca condotta presso l’Università di Stato della Luisiana ha dimostrato che gli acidi grassi sono efficaci nella trattamento del morbo di Alzheimer. Poiché l’olio di pesce è una delle migliori fonti di acidi grassi essenziali, tra cui EPA e DHA, aiuta nel trattamento del morbo di Alzheimer. Più ricerca condotta presso l’Università della California a Los Angeles (UCLA) convalida l’utilità di olio di pesce come un possibile rimedio per questa malattia. L’Associazione Alzheimer raccomanda di pesce contenente più alto contenuto di acidi grassi omega-3 per i pazienti in quanto agisce come una difesa contro la malattia di Alzheimer e dementia.ADHD o olio ADDFish ha la capacità per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) a causa della sua alta concentrazione di acidi grassi. Se il bambino soffre di iperattività, dislessia, disprassia, incapacità di completare le attività, instabilità emotiva, l’atteggiamento esitante, scarsa coordinazione, capacità di attenzione brevi, debolezza memoria a breve termine, bassa concentrazione, tendenza a interrompere gli altri, imprudenza, la fretta, irruenza, impulsività, basso quoziente intellettivo, o disturbi di apprendimento, l’olio di pesce è un rimedio provato. La ricerca condotta presso la University of South Australia e CSIRO ha dimostrato che quando i bambini affetti da ADHD sono state somministrate dosi di olio di pesce e la sera capsule primula per 15 settimane, hanno mostrato significativi miglioramenti nel loro comportamento. Poiché la materia cervello è costituito da circa 60% di grassi, acidi grassi particolarmente essenziali come omega 3 e omega 6, aiuta a migliorare le funzioni del brain.Furthermore, si ritiene che l’olio di pesce è utile nel normale sviluppo del cervello, insieme a aiutare il vostro bambino concentrarsi sui loro studi. E ‘stato anche trovato che quando le donne in gravidanza sono dati regolari dosi di olio di pesce, i loro bambini mostrano una maggiore occhio mano coordination.

Cura della pelle: E’ grande per migliorare la condizione della pelle secca rendendola lucida e vibrante.

è utile nel trattamento di vari problemi della pelle come l’eczema, psoriasi, prurito, arrossamento della pelle, lesioni cutanee, ed eruzioni cutanee. In termini di psoriasi, l’EPA presenti nell’olio di pesce limita la crescita di agenti pro-infiammatori producendo acido arachidonico. Pertanto, l’olio di pesce può anche essere applicato localmente per ottenere sollievo dal consumo psoriasis.Regular di capsule di olio di pesce aiuta a ridurre la perdita di umidità dalla pelle. Si è anche affermato da alcune persone che l’olio aiuta a prevenire le scottature, ma la ricerca dietro tale affermazione non è verified.Acne: L’olio di pesce è un trattamento efficace per l’acne. EPA è noto per inibire la formazione di androgeni, che può influenzare la formazione di sebo nel follicolo pilifero, portando a acne.

Cura che aiuta contro il cancro: è utile nel ridurre la perdita di peso nei pazienti affetti da cancro al pancreas. I suoi integratori possono anche essere utile per i pazienti affetti da hyperlipidemia.Diabetes correlati al cancro: di tipo II pazienti diabetici sono inclini a malattie cardiovascolari come la malattia coronarica, aterosclerosi, e ictus. Come accennato in precedenza, è utile nel trattamento di vari problemi cardiaci. La ricerca condotta presso l’Università di Oxford ha dimostrato l’olio di pesce per essere utile nel ridurre i livelli di trigliceridi nei pazienti con diabete come well.Ulcers: La presenza di EPA e DHA in olio di pesce la rende utile in caso di ulcere causate da farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Dovremmo noi sostituire gli oli di verdure con olio di pesce?

La risposta breve è no. Ci sono molti siti web che  avvisano le persone a smettere di mangiare gli oli vegetali e passare ad olio di pesce, al fine di aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3. Tuttavia, va notato che la maggior parte di questi siti prendono una polarizzazione verso olio di pesce per aumentare le vendite dei loro prodotti. L’olio di pesce è una buona fonte di omega-3 acidi grassi essenziali e deve essere consumato, ma questo non significa necessariamente che si dovrebbe sostituire completamente gli oli vegetali con olio di pesce.