OMEGA-3 PER CANI E GATTI

LA GIUSTA DIETA PER I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE

Sembra una follia ma milioni di persone migliorano la dieta del proprio cane con gli omega-3.
Ecco il primo motivo per aggiungere gli omega-3 nella ciotola del tuo cane o gatto!

Per molti anni, i padroni di cani e gatti hanno migliorato l’alimentazione dei propri animali domestici per prendere il loro pelo più lucido e la loro pelle meno secca.
Infatti, recentemente, molti veterinari hanno scoperto che gli acidi grassi giocano un ruolo importante anche in altri ambiti oltre a quello di pelle e pelo, ovvero: allergie, controllo delle infiammazioni e la funzione degli organi.

La maggior parte dei cani e gatti assume una quantità di omega-6 molto elevata, che scaturisce poi nella formazione di infiammazioni. Se l’infiammazione è eccessiva le conseguenze potrebbero essere dolore alle articolazioni, reazioni allergiche e malattie croniche.

Per quale motivo gli omega-3 sono così importanti per i vostri cane e gatto  ?
Per bilanciare la presenza di omega-6 e bilanciare la loro dieta.

E questo è importante perché ogni padrone vuole fare vivere al meglio i vostri amici a quattro zampe…meglio e più a lungo !

Quali tipi di acidi grassi sono utili per gli animali domestici ?
Gli animali sono in grado di produrre alcuni degli acidi grassi di cui hanno bisogno ma non tutti. Quelli che non riescono a produrre sono i grassi acidi di cui si parlava sopra, ovvero gli acidi grassi essenziali.

La cosa interessante è che ciò che è “essenziale” per una specie di animale, non lo è necessariamente per un’altra. Ad esempio l’acido grasso arachidonico è essenziale per i gatti, ma non per i cani.

Non sempre gli animali sono in grado di assorbire gli acidi grassi attraverso l’intestino. Ciò può avvenire in presenza di alcuni malattie, che provocano il malfunzionamento degli enzimi che trasformano un tipo acido grasso in un altro.
Nei cani o nei gatti che presentano queste condizioni alcuni degli acidi grassi non essenziali, diventano “essenziali”, ovvero devono essere presenti nella dieta in quantità maggiori.
Carenze di acidi grassi possono anche presentarsi con l’applicazione di diete a basso contenuto di grassi in alcuni animali domestici sovrappeso.

Gli acidi grassi presenti nei cibo possono facilmente deteriorarsi. Una lavorazione o preparazione troppo lunga potrebbe distruggerli. Un’altra causa è la conservazione errata.

Prima di andare più nel dettaglio cerchiamo di capire di cosa si tratta.

Acidi grassi omega-3:

Gli acidi grassi omega-3 includono:
– ALA (acido alfa-linoleico)
– EPA (acido eicosapentaenoico)
– DHA (acido docosapentaenoico)

Gli ALA possono essere convertiti in EPA, ma questa conversione non avviene nel caso della pelle. L’EPA è quello che contiene più omega-3 ed è incorporato nelle membrane cellulari.

Acidi grassi omega-6:

Gli acidi grassi omega-6 includono:
– LA (acido linoleico)
– GLA ( acido gamma linoleico)
– DGLA ( acido diomo-gamma-linoleico)
– AA (acido arachidonico)

L’acido linoleico può essere convertito in GLA, ma non nel caso della pelle. In ogni caso, il DGLA può essere prodotto dal GLA nella pelle.

L’acido linoleico è importante perché ottimizza la permeabilità dell’acqua nella pelle. L’acido arachidonico invece, in quantità eccessive, è quello che tra gli acidi grassi “crea problemi”.

Gli acidi grassi omega-3 sono catene di molecole di carbonio unite con un singolo o un doppio legame. Si tratta di un tipo di acido grasso detto “essenziale” perché  non può essere prodotto autonomamente dall’organismo.
Sebbene gli acidi grassi Omega 3 e omega 6 sia entrambi presenti nelle membrane cellulari, è importante supplementare gli acidi grassi omega-3 nella dieta per diminuire lo sviluppo di malattie infiammatorie. Da questo si può evincere un altro motivo per l’importanza degli omega 3 non solo per la cura del vostro cane, ma per quella dei vostri animali domestici in generale.

La maggior parte dei cibi per cani e gatti sono pensati e prodotti per avere una quantità elevata di omega-6 di qualità, ma quantità minori di omega 3. Ciò avviene per fattori di costi di produzione.

La proporzione di omega-3 e omega-6 migliore per il vostro cane è di 5:1.
Da questo primo dato si può subito notare la maggiore importanza degli omega 3 sugli omega 6, in quanto i primi permettono di mantenere l’omeostasi e favorire condizioni di salute generali migliori.


Fonti di acidi grassi
I grassi in generale possono contenere acidi grassi ma in quantità molto variabili.
Il grasso contenuto nella carne di manzo ad esempio, ha una percentuale molto bassa di acidi grassi, mentre l’olio di girasole o di olio ne possiedono in quantità molto maggiori

Gli acidi grassi essenziali si possono trovare in quantità diverse, in molti vegetali e pesce azzurro. Anche gli oli marini sono una buona fonte di EPA e DHA.

Come accennato precedentemente, molti cibi per animali contengono molti più omega-6 rispetto a omega-3. E’ stato rilevato che bestiame e pollame allevato con aggiunta di omega-3, producono carne e uova più ricchi di acidi grassi omega-3. In futuro, l’uso di questi prodotti nei cibi per cani e gatti potrebbe ottimizzare la proporzione di omega-6 e omega-3 nella dieta.

 

Andiamo a vedere più nello specifico i vantaggi che gli omega-3 offrono ai vostri amici a 4 zampre:

#1: Miglioramento della pelle e dell’aspetto pelo
Gli acidi grassi omega 3 aiutano a ridurre l’infiammazione perciò riducono l’intensità della maggior parte di allergie, includendo quelle provocate da morsi di zecche e mosche, allergie da contatto o da inalazione, reazioni allergiche provocate dal cibo.
Gli Omega 3 aiutano anche a diminuire la secchezza della pelle, la desquamazione e altri tipi di disordini affini.
Gli omega 3 fanno bene anche al portafoglio dei padroni ! Perché ? Grazie agli omega-3 le malattie che colpiscono la pelle diminuiranno e non avrete più bisgono di di comprare cortisone e antibiotici per fronteggiarle !
Bisogna però sottolineare che, come per qualsiasi cosa, per ottenere risultati serve tempo e costanza ! Non pensate di rendere il pelo del vostro cane più bello da un giorno all’altro. Servono 3-4 mesi di assunzione costante di omega 3 per ottenere massimi benefici per il manto e per le ossa del vostro cane !

#2: Aiutano a migliorare il sistema immunitario dei cani più anziani
I cani, per così dire, avanti con l’età hanno un sistema immunitario più debole (com’è normale che sia) e sono molto più propensi a contrarre infiammazioni e infezioni. Per questo motivo gli omega 3 sono indispensabili per i nostri fedeli amici.

#3: Rallentamento dei danni della cartilagine

#4: Occhi e vista
Gli omega-3 aiutano lo sviluppo corretto della retina e della corteccia visiva

#5: Artrite
Le ricerche mostrano che che gli omega-3, specialmente gli EPA, aiutano a ridurre l’infiammazione associata con l’artrite.

#6: Prevengono le infezioni da funghi
Gli acidi grassi rallentano lo sviluppo della Malassezia pachidermatite, una comune infezione da fungo che si presenta in cani e gatti. E’ stato dimostrato che gli omega-3 giocano un ruolo importante nel trattamento di questa infezione che si presenta nella pelle e nelle orecchie di cani e gatti

#7: Problematiche nella pelle dei gatti
Diverse malattie alla pelle dei gatti come la dermatite miliare e il granuloma eosinofilico possono essere curate con il summplemento di omega-3


#8: Prevenzione dell’ atopia
Alcune ricerche hanno suggerito che i supplementi omega-3 possono essere utili per prevenire l’atopia ovvero una serie di allergie dovute all’inalazione di sostanze come pollini e muffe.
Secondo gli studi che le future madri, durante la gravidanza subiscono un abbassamento dei valori di porstagladina (PGE) una sostanza che inibisce il rilascio di acido arachidoico dalla membrana cellulare. La PGE è necessaria per lo sviluppo del sistema immunitario dei cuccioli. Se le madri sono carenti di PGE, i loro cuccioli potrebbero sviluppare più facilmente un sistema immunitario anormale, che potrebbe renderli più soggetti all’atopia stessa. L’acido gamma-linoleico, quando viene convertito in DGLA, causa il rilascio di PGE. Dare l’acido gamma-lanoleico ad un esemplare femmina durante l’ultimo mese di gravidanza e durante il periodo di allattamento può aumentare la quantità di PGE e diminuire quindi la possibilità che i cuccioli sviluppino atopia.

#9: Problemi cardiaci
Ci sono prove evidenti che mostrano come gli omega-3 possano prevenire alcuni problemi cardiaci. Con gli omega-3 si può prevenire l’artmia ventricolare nei cani e abbassare la pressione sanguigna. Gli studi potrebbero dimostrare simili risultati anche per i gatti.
Passiamo ora ad un altro topic che può interessare gli amanti degli animali domestici.

Omega-3 nei cuccioli di cane

Uno studio condotto recentemente ha riscontrato che i cuccioli di cane che venivano nutriti con alimenti ricchi di omega-3, in particolare DHA, miglioravano il loro sviluppo sotto diversi punti di vista.
Secondo lo studio, pubblicato nel Journal of American Veterinary Medical Associaton e effettuato da Hill Per Nutrition (Canada), una dieta contenente oli di pesce ricchi di DHA migliorano lo sviluppo del cucciolo e in,particolare, favorisce il corretto sviluppo delle funzioni psicomotorie, del sistema immunitario, la memoria, le funzioni cognitive e la robustezza della retina.

Lo scopo dello studio era di valutare l’effetto degli omega-3 su questi aspetti.

Lo studio è stato effettuate su 48 cuccioli di Beagle di 8 settimane.
I cuccioli sono stati divisi in 3 gruppi: il primo ha ricevuto un basso somministraggio di DHA; il secondo ne ha ricevuto una dose mdoderata; l’ultimo gruppo ne ha ricevuto un quantitativo elevato. L’ultimo gruppo di studio prevedeva aumento delle dosi di vitamina E, taurina, colina e L-carnitina.

I ricercatori coinvolti in questo studio hanno valutato la funzione della memoria, le capacità di apprendimento e la capacità di individuare forme e modelli visivi, e le funzioni psicomotorie.

Il gruppo che ha riscontrato risultati migliori è stato il terzo, ovvero quello con una dieta con livelli massimi di DHA. Sono stati rilevati livelli superiori di anticorpi contro la rabbia in seguito alla vaccinazione e una migliore capacità di vista al buio in condizioni di bassa luminosità.

Si ricordi che è fondamentale integrare con omega-3 la dieta del cucciolo appena svezzato.
Il vostro veterinario saprà consigliarvi la dose più adatta di omega-3 in base alla razza e al peso del cucciolo.

Come inserìre gli omega-3 nella dieta del vostro cane ?

Secondo alcuni scuri DHA e EPA presenti nell’olio di pesce sono presenti di quelli estratti da fonti vegetali come noci e semi di lino per quanto riguarda i cani. Infatti i cani non possono convertire gli omega-3 da fonti vegetali.

Una cosa cui bisogna prestare attenzione è che gli omega-3 sono molto sensibili all’esposizione a fonti di calore e ossigeno, quindi è necessario prestare attenzione a come si conservano e a come si somministrano. Accade spesso che il comune cibo per cani arricchito di omega-3 spesso perda le proprietà a causa del processo di conservazioni.

Per questo una dieta sana “fatta in casa” sarebbe l’ideale per il vostro amico a quattro zampe.
Si può quindi aggiungere alla pappa del cane l’olio di krill, di salmone, calamari, acciughe o sardine.