Obiettivi

Il rapporto tra la dieta e la malattia epatica non alcolica (NAFLD) nei pazienti con malattia che hanno un elevato rischio per malattia epatica non alcolica non è stata studiata. Questo studio è stato condotto per indagare l’associazione tra il rischio di malattia epatica non alcolica e regime dietetico nei pazienti sottoposti a colecistectomia. Inoltre, abbiamo valutato l’associazione tra la composizione dell’acido grasso eritrosivo, un marker per la dieta e il rischio di malattia epatica non alcolica.

Metodi

I pazienti (n = 139) sono stati sottoposti a ultrasuoni fisiologici per determinare la presenza di NAFLD prima della colecistectomia laparoscopica, riportata l’assunzione dietetica utilizzando il questionario di frequenza alimentare e sono stati valutati per la composizione di acido grasso nel sangue.

Risultati

Cinquantotto pazienti sono stati diagnosticati con patologia epatica non alcolica.

Il rischio di patologia epatica non alcolica,

è stato negativamente associato a due modelli dietetici: consumando grano intero e legumi e consumando pesce, verdure e frutta.

La patologia epatica non alcolica è stata associata positivamente al consumo di cereali raffinati, carni, carni lavorate e cibi fritti. Inoltre, il rischio di patologia epatica non alcolica è stata associata positivamente a livelli di eritrociti di 16: 0 e 18: 2t, mentre è stato negativamente associata con 20: 5n3, 22: 5n3 e Omega-3.

Conclusione

Il rischio di insorgenza di patologia epatica non alcolica, è stato associato negativamente ad un sano schema di consumo di cereali integrali, legumi, verdure, pesce e frutta e con un livello di eritrociti di n-3 acidi grassi polinsaturi ricchi di pesci.

Modello alimentare associato con fragilità: I risultati di un’inchiesta a Taiwan

Taipei, in Taiwan

Obiettivi

Indagare se i modelli dietetici sono associati a fenotipi di fragilità in una popolazione taiwanese anziana.

Ambientazione:

Survey sulla nutrizione e la salute in Taiwan (NAHSIT), 2014-2016.

Partecipanti

I cittadini taiwanesi non istituzionali di età compresa tra i 65 anni e gli anni iscritti nel NAHSIT (N = 923).

Misure

L’assunzione dietetica è stata valutata utilizzando un questionario a frequenza alimentare di 79 punti (FFQ). La presenza di 5 fenotipi di fragilità è stata determinata usando criteri Fried modificati e sono sommati in un punteggio di fragilità. Utilizzando i dati del NAHSIT (2014-15), è stata utilizzata una regressione ridotta di rango per trovare un modello dietetico che ha spiegato il grado massimo di variazione dei punteggi di fragilità. I modelli di regressione logistica sono stati utilizzati per stimare l’associazione tra fragilità e modello dietetico. I risultati sono stati convalidati con i dati del 2016.

Risultati

Il modello dietetico derivato è stato caratterizzato da un alto consumo di frutta, noci e semi, tè, verdure, cereali integrali, molluschi, latte e pesce. La prevalenza di fragilità è stata del 7,8% e di prefazione è stata del 50,8%, definita utilizzando i criteri Fried modificati. Utilizzando i dati del NAHSIT (2014-15), il punteggio pattern dietetico ha mostrato una relazione inversa dose-risposta con la prevalenza di fragilità e pre-fragilità. Gli individui nel secondo modello dietetico tertile erano un terzo probabilmente fragili come quelli del primo tertile (rapporto di odds aggiustato (aOR) = 0,32, intervallo di confidenza 95% (CI) = 0,12-0,85) e quelli del terzo I tertili erano del 4% probabilmente fragili come quelli del primo tertile (aOR = 0,04, 95% CI = 0,01-0,18). Il punteggio di pattern dietetico stimato utilizzando i dati FFQ dal NAHSIT 2016 è stato anche significativamente e inversamente associato con la fragilità.

Conclusione

Gli individui con un modello dietetico con più alimenti vegetali ricchi di fitonutriente, il tè, i pesci di mare profondi ricchi di omega-3 e altri alimenti ricchi di proteine, come molluschi e latte, hanno una ridotta prevalenza di fragilità. Ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati e indagare se gli interventi dietetici correlati possono ridurre la fragilità negli adulti più anziani.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi