Un ipotetico regime di acidi grassi, acidi grassi omega 6, omega 3, trans e totali possono essere assunti con la dieta.

I dati sono stati estrapolati dalle analisi trasversali delle popolazioni di cacciatori-raccoglitori contemporanei e attraverso le osservazioni longitudinali. I prodotti eicosanoidi derivati da omega6, come la prostaglandina (PG) E2  e leukotriene(LT) B4  vengono sintetizzate da acido arachidonico (AA), sono i più potenti mediatori di infiammazione e di trombosi rispetto a prodotti simili derivati da omega-3 PUFAs (PGE3 e LTB5  sintetizzato da acido eicosapentaenoico). Il processo ossidativo dell’acido arachidonico e l’acido eicosapentaenoico deriva dalle vie ciclossigenasi e 5-lipossigenasi che denota la acido 5  idrossiperossieicosatetranoico e l’acido 5 idrossieicosapenoico.

Effetti dell’ingestione di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesa noico (DHA) da pesce o olio di pesce.

  • Diminuzione della produzione di prostaglandine E2 (PGE2) metaboliti
  • Diminuzione del trombossano A2,  un potente aggregatore piastrinico e vasocostrittore
  • una diminuzione nella formazione dei leucotrieni B4, un induttore di infiammazione, è un potente induttore di chemiotassi dei leucociti e l’aderenza
  • un aumento di trombossano A3,  debole aggregante piastrinico e vasocostrittore debole
  • un aumento della  prostaciclina PGI3
  • Sia PGI2 e PGI3  sono vasodilatatori attivi e inibitori dell’aggregazione piastrinica
  • Un aumento del leucotriene B5,  un induttore debole dell’infiammazione e un agente chemiotattico debole.

Lo squilibrio tra gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 genere le infiammazioni!

Un rapporto di omega 6 e omega 3 sbilanciato a favore degli omega 6 è altamente protrombotico e proinfiammatorio, può contribuire alla prevalenza di aterosclerosi, obesità e diabete. Infatti, il consumo regolare di diete ricche di omega 3, altamente benefiche, porta ad una bassa incidenza di queste malattie, particolarmente  in popolazioni islandesi, popoli indigeni Inuit e nativi americani in Alaska.

Anche se gli studi nutrizionali suggeriscono che elevati rapporti di omega3 e omega6 hanno contribuito significativamente all’epidemia dell’obesità, test clinici facendo uso di omega 3 PUFA  come agenti di riduzione del peso hanno prodotto risultati contrastanti: sia  positivi che negativi a causa di molti fattori.

Ci sono poi dei fattori che influenzano i risultati negli studi dell’obesità che portano a risultati contrastanti nei trial clinici di intervento.

  • Determinazione della composizione della dieta  in  termini di acidi grassi omega 6 e omega 3 e marker infiammatori cioè Stati Uniti, Regno Unito e paesi del Nord Europa dove abbiamo la più alta  quantità di AL + AA   nella loro dieta, che compete con omega 3 PUFA;  hanno anche la minima quantità di verdura e assunzione di frutta, che sono necessarie per l’assorbimento ottimale di omega 3 PUFA  da integratori
  • Infiammazione Sfondo
  • alcuni studi sono a base di pesce e altri omega-3 supplementi;  gli studi dimostrano che è un apporto giornaliero continuo di omega 3 a Porta a concentrazioni più elevate nel sangue che mangiare pesce due volte a settimana
  • variazione della dose di omega 3
  • variazione del numero di soggetti
  • variazione della gravità di malattia e del trattamento farmacologico
  • varianti genetiche predisponenti obesità
  • assunzione alimentare attraverso misurazioni reali di omega 3 PUFA  nei fosfolipidi di membrana dei globuli rossi o plasma è un problema principale che conduce a risultati contraddittori.

Questa carta si concentra sugli aspetti differenziali di acidi grassi omega 6 e omega 3 ed il loro rapporto, nel bilancio energetico e nella prevenzione del trattamento dell’obesità.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi