Carenza di acidi grassi e la fluidità della membrana durante la gravidanza e l’allattamento

In un gruppo di 19 donne incinte normali, i lipidi del plasma sono stati estratti, i fosfolipidi sono stati isolati e le composizioni di acido grasso (FA)  sono state misurate mediante gascromatografia capillare.

Campioni di sangue sono stati prelevati a 36 settimane, al lavoro ea 6 settimane dopo il parto. I profili di FA  ha mostrato la carenza di omega 6 e omega 3 FA (Omega che indica la lunghezza della catena satura terminale), quest’ultimo più grave. Per ogni campione è stata calcolata la temperatura media di fusione (MMP)  come indice di fluidità basata su tutti gli FA  presenti.

MMP  varia linearmente con il totale di FA  polinsaturi e con un indice di doppio legame, misure di corrente di fluidità e lo stato degli FA  essenziale. MMP è stato elevato 9-11°C  in fosfolipidi del plasma delle donne durante la gravidanza e dopo il parto. Durante l’allattamento le madri hanno mostrato meno recupero da carenza  rispetto alle madri non allattanti, ma nessuna si avvicinava  alle 6 settimane.

Effetti dell’omega-3 sul dolore

I cambiamenti osservati nei profili dei fosfolipidi suggeriscono un trasferimento significativo di Omega3 e omega6 dei FA  polinsaturi dalla madre al feto. Questi FA sono essenziali per la normale crescita e sviluppo fetale;  la loro carenza relativa alla circolazione materna suggerisce che il supplemento dietetico può essere indicato.

La pressione sanguigna alla fine della gravidanza e l’incidenza di ipertensione indotta dalla gravidanza sono state controllate in una comunità Inuit nel Keewatin. In questa comunità ricca di pesci e mammiferi nella loro dieta si è verificato che avevano una pressione sanguigna più bassa alla fine della gravidanza è una minore incidenza di ipertensione.

La minore incidenza di ipertensione gestazionale era indipendente di altre variabili, tra cui parità e peso pre-gravidanza.  Le analisi degli acidi grassi dei fosfolipidi sanguigni nel cordone ha confermato i livelli elevati di acido eicosapentaenoico,  un acido  grasso ricco nei pesci e nei mammiferi,nei  bambini nati da mamme facenti parte di questa comunità.

Omega 3: essenziali per lo sviluppo fetale?

Omega 3 in allattamento

Recenti ricerche indicano che gli Omega 3 sono nutrienti benefici essenziali nello sviluppo umano iniziale.

Le diete carenti di FA n-3  sono associate a riduzioni di livelli di DHA  nel cervello e nei tessuti retinici associati ad anomalie nella funzione retinica che può essere irreversibile.

L’acido alfa linoleico può essere un sostituto inadeguato per DHA  perché LNA  non può essere convertito in DHA  con apporti sufficienti a soddisfare le esigenze di un neonato.

I neonati prematuri perdono DHA  dai loro tessuti, a meno che non vengano nutriti con una formula di supplemento con DHA  o latte umano.Le donne che consumano pesce hanno più DHA  nel loro latte materno. Formule infantili contengono solo LNA  come fonte di FA n-3. Le donne incinta e in allattamento dovrebbero essere incoraggiati a consumare pesce regolarmente durante la gravidanza perché è un utile supplemento per aiutare i loro bambini durante il periodo dell’allattamento,poichè dona un supplemento in più di DHA.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi