L‘obesità e il diabete di tipo 2 stanno aumentando nelle regioni rurali e urbane dell’Asia meridionale, compreso l’India. Il modello della deposizione di grasso nell’addome, la deposizione di grasso ectopico (fegato, pancreas) e anche la bassa massa magra contribuiscono all’insorgenza di un problema d’insulina, dello stato disfunzionale e del diabete negli Indiani asiatici.

Queste disfunzioni metaboliche sono ulteriormente esacerbate cambiando lo stile di vita, l’urbanizzazione della dieta e la meccanizzazione. Importanti squilibri alimentari comprendono l’aumento dell’uso di oli contenenti elevata quantità di acidi grassi trans e di grassi saturi (olio vegetale parzialmente idrogenato, olio di palmoleina), uso di metodo di frittura profonda e riscalda- mento di olii per la cottura, elevata assunzione di grassi saturi, zucchero e carboidrati raffinati, bassa assunzione di proteine, fibre e un aumento dell’assunzione di alimenti trasformati.

Anche se i processi di intervento alimentare sono pochi; I dati mostrano che migliorare la qualità dei carboidrati (carboidrati più complessi), migliorare la qualità del grasso (più acidi grassi monoinsaturi e acidi grassi polinsaturi omega 3) e una maggiore assunzione di proteine ​migliorare il glucosio nel sangue, l’insulina sierica, i lipidi, i marker infiammatori e il grasso epatico. Sono necessari ulteriori studi. Infine, occorre rafforzare il quadro normativo per imporre tasse sulle bevande zuccherate, oli come la palmoleina e grassi alimentari e grassi trans transitori.

I grassi polinsaturi (PUFAs) hanno dimostrato di ridurre il rischio di diabete di tipo 2 (T2DM) e di migliorare la reattività di insulina nei soggetti T2DM, ma se le fonti vegetali di omega-3 PUFA (acido alfa-linolenico [ALA]) hanno un effetto sul controllo glicemico. Richiede ulteriori indagini.

Obesità

Metodi

I parametri di interesse sono stati l’emoglobina glicata (HbA1c), il glucosio nel sangue a digiuno (FBG), l’insulina del sangue a digiuno (FBI), la valutazione di modelli  per la resistenza all’insulina così come HOMA-IR, la fruttosamina e l’albumina glicata.

Una ricerca completa è stata condotta con i metodi MEDLINE, Embase, CINAHL e Cochrane. Studi idonei comprendevano studi randomizzati controllati della durata superiore a un mese che hanno confrontato le diete arricchite in ALA con diete usuali sui parametri glicemici .

Per ogni ricerca, è stato valutato il rischio di polarizzazione e la qualità dello studio. Utilizzando il software statistico RevMan i dati sono stati raggruppati utilizzando il metodo inverso generico con il modello di effetti casuali e i risultati finali sono stati espressi come differenze medie L’eterogeneità è stata valutata dalla statistica Cochran Q e quantificata dalla statistica

Risultati

Sono state effettuate 8 prove  con 212 partecipanti è stato incluso nella meta-analisi. Rispetto ad una dieta di controllo, una dose media di 4.4 g / die di assunzione di ALA per una durata in media  di 3 mesi non ha influenzato i parametri presi in considerazione così come la dose media di ALA pari a 5,4

Conclusioni

Le diete arricchite da ALA non hanno influenzato  i parametri pHbA1c, FBG o FBI. Il scarso numero di RCT esistenti e la presenza di eterogeneità nella nostra meta-analisi limitano la capacità di prendere conclusioni conclusive su ALA nella gestione di del diabete di tipo 2.

Il potenziale per l’ALA di avere effetti dose-dipendenti garantisce ulteriori ricerche in questo settore.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi