Metodi di studio usati nell’ambito della ricerca degli omega-3 e sulla loro funzione antinfiammatoria

In uno studio preliminare di laboratorio (Jouris 2011) è stato segnalato che la somministrazione di N-3 a breve termine (7 giorni) ad alta dose (3000 mg / d DHA + EPA) attenuava il DOMS del 15%.

Tuttavia, lo studio è stato limitato, per questo motivo lo scopo del presente studio è quello di confermare i precedenti risultati e quello di altri, utilizzando un trial randomizzato, a doppio cieco, controllato con placebo. Inoltre, poiché tutti gli studi precedenti comprendevano uomini, o uomini e donne, questa volta sono state esaminate solo donne.

Infine, alla luce dell’esistenza di prove che DHA potrebbe avere effetti più efficaci antiinfiammatori rispetto all’EPA (Weldon 2007) e alla luce degli effetti antinocicettivi sopra citati del DHA (Nakamoto 2011), si è utilizzato l’aggiunta di DHA da solo (vale a dire non EPA).

Partecipanti e screening

Le donne sane di età compresa tra i 20 ei 60 anni sono state reclutate dall’area metropolitana di Saint Louis, Missouri.

I volontari hanno completato un questionario di storia medica e farmaci, che è stato utilizzato insieme ai criteri del College americano di medicina sportiva (American College of Sports Medicine, 2014) per classificare ogni individuo come a basso, a moderato o ad alto rischio di complicanze mediche durante l’esercizio fisico. Sono stati esclusi sia individui a moderato che ad alto rischio.

I volontari sono stati esclusi anche se avevano consumato integratori di Omega 3, dai notevoli benefici, negli ultimi 6 mesi, o se avevano una storia o una diagnosi di ipertensione, disordini di coagulazione, diabete, rabdomiolisi esercitata o se stavano prendendo farmaci antinfiammatori non steroidei, l’aspirina o anticoagulanti.

I soggetti inoltre sono stati invitati a non prendere farmaci anti-infiammatori mentre erano iscritti nello studio. Anche se i criteri di inclusione e di esclusione non hanno specificato lo stato di addestramento degli esercizi dei partecipanti, nessuno dei partecipanti ha avuto una formazione di forza e la maggior parte (75%) non ha svolto attività di allenamento con esercizio fisico. Il consenso scritto è stato ottenuto da ciascun soggetto. Lo studio è stato approvato dal consiglio di revisione istituzionale dell’Università di Saint Louis.

Lo studio era un trial randomizzato, a doppio cieco, controllato con placebo, in cui i soggetti sono stati assegnati casualmente in un rapporto 1:1 per ricevere DHA o placebo.

Tutti i risultati sono stati valutati dopo 7 giorni di integrazione e immediatamente prima del protocollo di esercizio che induce l’indolenza e ancora 48 ore dopo il protocollo di esercizio. La supplementazione è proseguita attraverso il periodo di follow-up di 48 ore.

Controllo dell’attività dietetica e fisica

I partecipanti sono stati incaricati verbalmente e per iscritto di seguire una dieta a basso n-3 per tutta la loro partecipazione allo studio, iniziando tre settimane prima del periodo di integrazione dello studio. Un elenco di alimenti ad alto contenuto di n-3 è stato fornito per aiutare i partecipanti a evitare importanti fonti di nutrienti n-3.

I partecipanti sono stati incaricati di astenersi dall’esercizio fisico intenso durante lo studio e di non modificare altri aspetti della loro routine (o della mancanza di attività fisica).

Shares
Share This