Questa revisione ha valutato l’efficacia degli oli omega 3 e  Omega 6 per la prevenzione primaria di sensibilizzazione, eczema o dermatite atopica, rinite allergica, asma e altri disturbi allergici. Gli autori hanno concluso che l’integrazione non abbassasse il rischio di sensibilizzazione o malattie allergiche. Questa è stata una revisione ben condotta e la conclusione sembra essere affidabile per la popolazione studiata.

Obiettivi degli autori

Per valutare l’efficacia degli oli omega 3 e omega 6 nella prevenzione primaria della sensibilizzazione, eczema o dermatite atopica, rinite allergica, asma e altri disturbi allergici.

Ricerca

Sono state ricercate le registrazioni centrali di Cochrane per le prove controllate (CENTRAL), MEDLINE, EMBASE, LILACS, PsycINFO, AMED e Web of Science.Per le ricerche su internet è stato utilizzato Google Scholar, con date che vanno dal 1966 al 2008. Sono state scansionate Le bibliografie degli studi rilevanti . Sono state ricercate inibizioni non inedite e in corso dal Registro meta dei trial controllati, ClinicalTrials.gov e NRR.

Anche i produttori e gli esperti di campo sono stati contattati per ulteriori studi. Non c’erano restrizioni linguistiche.

Selezione dello studio

Integratori Omega 3, bisognerebbe assumerli per migliorare la nostra salute, principalmente di cuore e cervello

Sono stati ammessi all’inserimento dei controlli randomizzati di omega 3 e 6 olio supplementi (usati in isolamento o in combinazione). I partecipanti erano quelli a basso o alto rischio di sviluppare eczema o dermatite atopica, rinite allergica, asma e altri disturbi allergici. Alle prove sono state escluse le persone con una  condizione allergica già esistente.

Tutti i trial comprendevano individui ad alto rischio. Le partecipanti si trovavano in stato di gravidanza , in oppure erano neonati (principalmente alimentati con l‘aggiunta di omega 3 nella formula di idrolizzato di siero di latte).

Gli integratori Omega 3 sono stati contenuti negli oli di pesce e gli integratori omega 6 sono stati contenuti nella formula di idrolizzato di siero di latte e di olio di borragine o solo di olio di borragine. La durata del trattamento variava da 20 settimane di gravidanza alla parto fino ai primi sei mesi dalla nascita.

Due revisori indipendenti hanno selezionato gli studi per l’inclusione. I disaccordi sono stati risolti mediante discussione o arbitrato con un terzo recensore.

Valutazione della qualità dello studio

La qualità del processo è stata valutata utilizzando i seguenti criteri di Cochrane: concezione dell’allocazione, metodo di allocazione del trattamento, segnalazione delle esclusioni, completezza del follow-up e segnalazione delle complicazioni. Ogni parametro è stato classificato come A (basso rischio di polarizzazione), B (moderato rischio di polarizzazione) o C (alto rischio di polarizzazione) e una valutazione globale è stata registrata per ogni prova.

Lo strumento di valutazione della qualità di Jadad è stato utilizzato anche per valutare l’occultamento di assegnazione, l’accecamento e il prelievo. Le prove sono state segnate da 0 (bassa qualità) a 5 (alta qualità).

Due revisori indipendenti hanno valutato la qualità delle prove incluse

Donna allergica

Estrazione dati

I dati sono stati estratti per calcolare i relativi rischi (RRs) e gli intervalli del 95% (CI). Questo è stato eseguito da un recensore e controllato da un secondo revisore. I disaccordi sono stati risolti mediante discussione o arbitrato con un terzo recensore.

Risultati della revisione

Sei RCT sono stati inclusi nella revisione ( in totale  938 partecipanti). Quattro studi (con 679 partecipanti ) hanno confrontato l’omega 3 e due studi (con  259 partecipanti) confrontati con omega 6, con placebo. Sono stati trovati altri otto processi in corso, i cui dettagli sono stati riportati nel documento. La qualità della prova è stata valutata A (Cochrane) e 5 (Jadad) in cinque prove; E B e 3 in un solo processo.

La meta-analisi ha dimostrato che non esistono vantaggi statisticamente significativi a favore dell’aggiunta di omega 3 o 6 su qualsiasi risultato relativo a eczema o dermatite atopica, asma, rinite allergica o allergia alimentare.

I risultati di altre analisi sono stati incoerenti nello sviluppo della sensibilizzazione agli allergeni comuni, con un solo studio che segnalava un effetto statisticamente significativo dell’aggiunta di omega 6 sull’abbassamento dei livelli di immunoglobuline E (p <0,01) nei partecipanti atopici. L’integrazione di Omega 3 è stata associata a benefici statisticamente significativi nella risposta immunitaria, ma gli effetti sono stati sia brevi che incoerenti.

Conclusioni degli autori

L’integrazione con omega 3, ricchi di benefici, 6 o entrambi è improbabile per prevenire la sensibilizzazione o la malattia allergica.

Commento

La domanda di riesame è stata chiara e questo è stato sostenuto da criteri di inclusione potenzialmente riproducibili. La strategia di ricerca includeva alcune fonti rilevanti, e ci sono stati sforzi chiari per ridurre al minimo le tensioni di lingua e di pubblicazione. Il processo di riesame è stato condotto con sufficienti tentativi per ridurre al minimo l’errore e la polarizzazione.

È stata effettuata una valutazione di validità adeguata, i cui risultati hanno indicato l’alta qualità delle prove incluse. Altri dettagli di studio sono stati riportati in modo adeguato, inclusi quelli per un certo numero di prove in corso. È stata valutata l’eterogeneità ei metodi di sintesi scelti sembrano appropriati.

Questa è stata una revisione ben condotta e le conclusioni degli autori sembrano essere affidabili per la popolazione in esame.

Implicazioni della revisione per la pratica e la ricerca

Risultati degli studi sull’assunzione simultanea di omega-3 e vitamina D

Ricerca

Gli autori hanno affermato che i futuri studi dovrebbero basarsi sui risultati di questa revisione, assicurando che siano considerati  risultati finali  meccanici, clinici e di assistenza sanitaria.

Pratica

Gli autori hanno affermato che l’integrazione omega 3 e 6 non poteva essere raccomandata per la prevenzione delle malattie allergiche.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi