Negli ultimi tre decenni, l’assunzione di acidi grassi saturi e acidi grassi insaturi come percentuale del totale delle calorie è diminuito continuamente nelle diete occidentali, portando ad un aumento spropositato dell’assunzione di acido grasso omega 6 e ad una conseguente diminuzione, altrettanto spropositata, dell’acido grasso omega-3.

Il rapporto tra omega 6 e omega 3, dall’ideale di 1:1, nel corso dell’evoluzione si è completamente sballato, sino ad arrivare all’attuale, di, pensate, 20:1! É proprio questo disequilibrio, spesso anche superiore a questo 20:1 tra omega 6 e omega 3, che può essere tra le cause dell’obesità. Questo cambiamento nella composizione degli acidi grassi ha avuto un significativo aumento della prevalenza di sovrappeso e obesità.

Gli studi sperimentali hanno suggerito che gli acidi grassi omega sei e omega tre potrebbero suscitare effetti divergenti sul grasso corporeo attraverso meccanismi di adipogenesi, imbrunimento del tessuto adiposo, l’omeostasi dei lipidi, asse cervello intestino adiposo e infiammazione di importanza sistemica. Studi prospettici mostrano chiaramente un aumento del rischio di obesità come il livello di acidi grassi omega 6 e di rapporto di omega 6 e omega 3 aumenta  i fosfolipidi della membrana del globulo rosso (RBC), considerando che i fosfolipidi della membrana di RBC  omega 3 potrebbe far diminuire il rischio di obesità.

Recenti studi in esseri umani dimostrano che oltre agli importi assoluti di omega-6 e gli apporti di acidi grassi omega-3, il rapporto tra omega 6 e omega 3 svolge un ruolo importante nell’aumentare lo sviluppo dell’obesità, sia via metabolica di eicosanoidi sia per iperattività del sistema cannabinoide, affinché possa essere invertito con l’assunzione aumentata di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido  docosaesaenoico (DHA).

Un equilibrato apporto di omega 3 e omega 6 è importante per la salute nella prevenzione e nel trattamento dell’obesità.

Che cos’è l’obesità?

Obesità

L’obesità è una condizione complessa che coinvolge la disgregazione di parecchi sistemi dell’organo e vie molecolari, compreso il tessuto adiposo, fegato, pancreas, tratto gastrointestinale, il microbioma, il sistema nervoso centrale è genetica. Il ruolo del SNC nell’obesità sta ricevendo più attenzione come aumento di tassi di obesità e trattamenti che continuano a  non riuscire bene. Mentre lungamente è stato riconosciuto il ruolo dell’ipotalamo nella regolazione del l’ingestione di cibo e appetito, vengono  esplorati i ruoli del CNS che stanno cominciano ad essere esaminati come il ruolo nelle influenze ambientali sul bilancio energetico. Inoltre, gli acidi grassi omega 3 aiutano alla prevenzione e al trattamento dell’obesità.

Gli Omega 3 e Omega 6 acidi polinsaturi (PUFAs)  sono  acidi grassi essenziali che devono essere derivati dalla dieta, non può essere creato dagli esseri umani o da altri mammiferi a causa della mancanza degli enzimi endogeni per la desaturazione di omega 3. A causa delle nuove moderne diete occidentali che contengono eccessivi livelli di omega 6 ma a livelli molto bassi di omega 3,portano ad un malsano rapporto omega 6 e omega 3 di 20:1. anziché 1:1 che era nel corso dell’evoluzione negli esseri umani.

É bene, quindi, per un trattamento dell’obesità avere l’accortezza di assumere una giusta dose di omega 3, che apporterà sicuri benefici.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi