logo-vanity logo-mogul logo-hubstaff logo-tnw
logo-paypal

La salute della prostata

Prevenzione tumore alla prostata

Gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi che producono effetti benefici per la salute umana.

Sono acidi essenziali di cui il corpo ha bisogno per stare bene. Purtroppo non vengono autoprodotti nelle quantità sufficienti e devono essere introdotti con l’alimentazione.

Non sempre  nostra alimentazione è ricca di omega 3 e anche qualora lo fosse, troppo spesso accade che i benefici degli omega 3 vengono inficiati dall’introduzione eccessiva di Omega 6.  

É stato scientificamente provato che la carenza di omega 3 provoca stati infiammatori che a lungo andare originano patologie anche molto gravi come le malattie metaboliche e alcuni tipi di tumori.

Sempre attraverso ricerche scientifiche è stata provata la relazione tra carenza di Omega 3 e diminuzione dei livelli di testosterone negli uomini che causa l’insorgere di depressione, carenza della libido e impossibilità a compiere l’atto sessuale necessario per la riproduzione oltre che per il piacere.

Gli Omega 3, dai numerosi benefici, sono contenuti in moltissimi alimenti come la frutta secca  e in abbondantissima quantità negli alimenti di origine marina come in particolare nei pesci grassi come lo sgombro, il tonno , le alici, le sardine, il salmone, i crostacei e negli integratori di olio di pesce e olio di Krill. 

Grazie alle numerose ricerche medico-scientifico eccettuate nel corso degli anni, è stato provato che gli Omega 3, avendo un effetto antinfiammatorio costituiscono un elemento fondamentale per la prevenzione e la cura di diverse patologie come il diabete, l’Alzheimer.

Cosa dicono le ricerche scientifiche in favore dell’Omega 3 per prevenire il tumore alla prostata?

Perle Omega 3 EPA DHA

Studi recenti  effettuati presso la Washington State University, hanno evidenziato come la vitamina F costituente gli acidi  Omega 3 potrebbe intervenire positivamente nella prevenzione di tumore alla prostata e prostatiti. del tumore alla prostata. Lo dimostra una ricerca della Washington State .

La Washington University , guidata dalla docente di farmacia Kathryn Meier,  è riuscita a confutare le ricerche precedenti svoltesi in altre Università che avevano messo in relazione l’insorgenza dei tumori alla maggiore assunzione dei grassi acidi polinsaturi.

La teoria risultante dalla ricerca pubblicata nel 2013 sul Journal of National Cancer Institute che rilevava corrispondenza fra insorgenza del tumore alla prostata e alti livelli di omega 3 presenti nell’organismo è stata del tutto sfatata, e anzi  grazie all’ultimo studio si è dimostrato che gli omega 3, se assunti con costanza e regolarità nelle dosi necessarie, legandosi ad un recettore chiamato FFA4, fungendo da inibitore dello sviluppo e proliferazione delle cellule tumorali, intervengono positivamente per prevenire e far regredire anche i tumori che si sono già manifestati.

Un altro gruppo di ricercatori presso l’Università della California, ha dato vita ad un esperimento pubblicato nella rivista Clinical Cancer Research. Il lavoro di ricerca è stato incentrato sul comportamento tumorale su un  campione di ratti affetti da tumore alla prostata e i risultati hanno dimostrato che un elevato numero di omega 3 rispetto a quelli Omega 6, è in grado di ridurre il marker PSA e il relativo tumore alla prostata.

Chi predilige una dieta mediterranea a base di pesce combatte il nemico tumore alla prostata

La dieta mediterranea, di cibi freschi e ricchi di Omega 3, è la dieta migliore da seguire.

Uno studio americano ha evidenziato che nelle persone  che si nutrono di alimenti contenenti Omega 3 o che lo integrano con l’olio di pesce, diminuisce la proliferazione delle cellule tumorali della prostata.  Il regime alimentare della dieta mediterranea viene considerato più sano di quello dei paesi occidentali sotto tutti i punti di vista.

Si è scoperto che più lentamente le cellule si moltiplicano meno è probabile che il tumore s’irradi in altre sedi esterne alla prostata. Di conseguenza più lenta è la progressione del tumore maggiore è la probabilità di sopravvivenza.

L’esperimento su uomini

Analisi mediche

Per poter studiare la situazione nel particolare sono stati selezionati 48 uomini, suddivisi in due gruppi, scelti tra le persone in attesa di subire l’intervento chirurgico di   a prostatectomia totale che hanno accettato di sottoporti ad un regime alimentare specifico per una durata di 6 settimane precedenti al delicato intervento chirurgico di rimozione della ghiandola prostatica e dei tessuti adiacenti.

Il primo gruppo di persone affette da cancro alla prostata,  per 6 settimane si è alimentato seguendo una dieta povera di grassi che prevedeva l’assunzione integrativa di 5 grammi di olio di pesce che rispettava il rapporto 2 a 1 tra omega 3 e omega 6;

Il secondo gruppo di malati in attesa di prostatectomia, invece si è alimentato seguendo la dieta occidentale, che ha il rapporto sproporzionato tra omega 3 e 6 di 15 a 1.

Alla fine dell’esperimento seppur con qualche limite imputato al breve periodo di somministrazione  impiegato, i ricercatori sono giunti alla conclusione che nell’organismo marker tumorali e cellule cancerogene diminuiscono all’aumentare dell’omega 3 e contemporaneamente si può notare il rallentamento e la diminuzione sensibile della proliferazione delle cellule tumorali maligne o benigne.

I ricercatori volevano dimostrare come l’alimentazione possa influenzare la buona salute dell’individuo. In particolare è l’assunzione dell’acido eicosapentaenoico noto come EPA a rallentare la progressione cancerogena. Logicamente il trattamento è stato condotto tenendo conto di ognuno degli stadi della malattia dei pazienti.

La metafora della vita tra le cellule cancerogene e l’eroe EPA Omega 3

Gli omega 3 rappresentano gli eroi che arrivano in soccorso dell’organismo continuamente sottoposto a rischio di guerre e assedi da parte del nemico cancro.

Gli omega 3 sono composti da tanti amici che aiutano l’organismo a star bene. L’eroe EPA interviene sull’incendio appiccato dai piromani omega 6 provenienti da carni, latticini, e cibo spazzatura.

Più il gettito dell’EPA è violento, maggiori saranno i nemici annientati. Se l’EPA vince, nell’organismo si riducono le cellule tumorali.

Gli omega 3 sono in grado di risolvere i problemi legati alla prostatite?

I maschi giovani molto spesso sono colpiti da una fastidiosa infezione alla prostata chiamata prostatite. Solitamente la causa di questa patologia è di natura batterica o fungina.. Il ragazzo affetto da prostatite avvertirà dolore, difficoltà di urinare, depressione, astenia e disfunzione erettile.

Anche nel caso della prostatite, ad avere un ruolo determinante per risolvere i problemi è un’adeguata alimentazione che impedisca di fornire nutrimento ai batteri che proliferano nel nutriente tessuto prostatico . Gli omega 3 anche in questo caso sono pronti ad accorrere prontamente in soccorso del corpo per sedare l’infezione. I nostri alleati acidi grassi polinsaturi si comportano proprio come dei pompieri  chiamati d’urgenza per spegnere un incendio con professionalità e velocità.

Oltre all‘introduzione degli omega 3 mediante il cibo o gli integratori di olio di krill o di olio di pesce, si devono eliminare dalla dieta tutti i cibi che “alimentano“ i batteri aiutandoli a proliferare.

Perché alcuni alimenti alimentano le infezioni?

Infezione batteri

La prostatite, così come altre patologie metaboliche, sono annoverate tra le patologie nutrizionali a causa della dieta ricca di alimenti di origine animali come la carne, le uova e i latticini all’interno dei quali le tossine si moltiplicano.

Andrebbero eliminati o limitati cereali e carboidrati, caffeina  e le bevande gassate che favoriscono l’insorgere dell’irritazione. Si deve inoltre indagare su eventuali allergie silenti che causano malattie croniche come la prostatite non causata da batteri o funghi.

Si deve necessariamente introdurre nella propria alimentazione una dose abbondante e quotidiana di Omega 3. Se non si riesce a mangiare quantità giornaliere di pesce cucinato in maniera sana, si può sopperire mediante l’assunzione degli omega 3 contenuti negli integratori alimentari.

Deve  essere tenuto sotto controllo con l’assunzione regolare degli omega 3, anche il colesterolo che deve essere mantenuto a livelli bassi perché viene considerato il precursore degli ormoni. Bisogna stare alla larga dai cibi spazzatura venduti presso i fast food perché a fronte di un’un abbondanza smisurata di zuccheri, grassi cattivi e carboidrati offrono pochissimi grassi buoni o addirittura nessun nutriente essenziale.

Contrariamente a quanto anticamente si pensava, anche mangiare carne alla griglia non è benefico per la propria salute. Le carni rosse cotte alla griglia infatti, producono un elevato grado di tossicità alimentare e cancerogena.

Gli uomini attenti alla propria salute non devono fare altro che seguire le buone regole della nonna che insegnava che nel pesce c’è la salute e che per questo lo si deve mangiare tanto,spesso e con costanza.

 

Per informarti al meglio sul mondo degli omega3, olio di pesce, olio di krill e olio di fegato di merluzzo clicca sugli appositi links 😉

Per informarti al meglio sul mondo degli omega treolio di pesce, olio di krill e su
Omega 3 benefici
clicca sugli appositi links 😉

Per approfondire sui benefici degli Omega-3: omega 3 cervelloomega 3 umoreomega 3 stressomega 3 depressione.

Per conoscerne altri alimenti che contengono Omega 3 (che fanno parte degli Omega 3 vegetali)
i rapporti qualità/prezzo degli  integratori Omega 3 migliori clicca sul link Omega 3 prezzo!

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica; si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un medicinale è necessario contattare il proprio medico.

Summary
Review Date
Reviewed Item
omega 3
Author Rating
51star1star1star1star1star

Per informarti al meglio sul mondo degli omega treolio di pesce, olio di krill e su
Omega 3 benefici
clicca sugli appositi links 😉

Per approfondire sui benefici degli Omega-3: omega 3 cervelloomega 3 umoreomega 3 stressomega 3 depressione.

Per conoscerne altri alimenti che contengono Omega 3 (che fanno parte degli Omega 3 vegetali)
i rapporti qualità/prezzo degli  integratori Omega 3 migliori clicca sul link Omega 3 prezzo!