Omega 3 Sardine

Sardine alla griglia

Le sardine, conosciute anche come sarde o sardelle, sono un pesce diffuso in tutto il Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, e fanno parte delle famiglia delle Clupeidae.

Esse rientrano nella categoria del pesce azzurro (pesci con una colorazione blu scuro del dorso e argentea del ventre, generalmente di piccole e medie dimensioni), e possiedono un maggior contenuto di grassi e vitamine rispetto al pesce bianco.

Col passare del tempo, il pesce azzurro ha acquisito sempre più importanza ed è stato rivalutato dai nutrizionisti, perché considerato un’ottima alternativa ad altri cibi proteici come i formaggi, le uova e la carne.

Proprietà nutrizionali

Dal punto di vista nutrizionale le sardine sono un ottimo alimento: è una buona fonte di niacina, vitamine (come la D e la B12),  fosforo, proteine, calcio e selenio, ma  contengono anche colesterolo. (Per approfondire su Omega 3 colesterolo clcca sul link)

Quest’ultimo aspetto non deve comunque preoccupare il consumatore, in quanto le sardine hanno un asso nella manica! Quale?

Sono ricchissime dei famosi grassi Omega-3 (il nostro sito agli ALA, acidi grassi essenziali ricavati da fonti vegetali, preferisce EPA e DHA, sia perchè sono abbondanti nel pesce, sia per la difficile conversione degli ALA nei due grassi animali), che hanno tantissimi benefici per la salute umana, soprattutto, a livello cardiovascolare.

Una cosa molto importante da sapere sulle sardine, per godere a pieno dei loro benefici, riguarda il fatto che è meglio non friggerle, perché i preziosissimi grassi Omega 3 si alterano facilmente e non dobbiamo perdere il loro valore nutrizionale!

Quali sono le proprietà benefiche delle sardine?

Le sardine sono tra i pesci più ricchi di Omega 3

Le sardine sono un alimento molto raccomandato per i loro effetti positivi sul benessere del nostro organismo, grazie, soprattutto, all’elevato contenuto di acidi grassi insaturi che aumentano il “colesterolo buono” ed attenuano gli effetti negativi di quello “cattivo”. Così, mangiare sardine può essere utile a prevenire l’arteriosclerosi e a ridurre le probabilità di contrarre malattie cardiovascolari.

Le sardine sono di grande importanza per gli adolescenti, le donne in gravidanza, per chi pratica sport (che hanno bisogno di tanta energia per affrontare i duri allenamenti a cui sono sottoposti) e per le persone in convalescenza, grazie alle loro moltissime vitamine e minerali.

Esse contengono, altresì, vitamina D, una sostanza nutritiva che si trova di solito nei prodotti lattiero-caseari fortificati, la quale ha un ruolo importante per la salute delle ossa, infatti, aumenta l’assorbimento di calcio.

Le sardine hanno molte proteine, che ci forniscono aminoacidi, usati dal corpo per creare nuove proteine che, a loro volta, servono come base per la maggior parte delle cellule e strutture del corpo.

Le proteine ​​sono la base dei muscoli e dei tessuti connettivi, degli anticorpi che fortificano il nostro sistema immunitario e, inoltre, si occupano anche del trasporto di ossigeno e di sostanze nutritive in tutto il nostro corpo.

Controindicazioni delle sardine

Una piccola avvertenza per chi soffre di gotta: in questo caso, è consigliabile limitare molto il consumo di sardine per via dell’alto contenuto di purina.

La purina, infatti, può essere ripartita per formare acido urico, che, accumulandosi in modo eccessivo, risulta nocivo per coloro i quali sono appunto affetti da gotta.

L’eccesso di purina nel corpo, inoltre, può provocare la formazione di calcoli renali.