Omega 3 Alghe

Alghe alimenti omega 3 ALA

ATTENZIONE: Gli Omega 3 Vegetali NON ESISTONO. Perchè?

Le alghe sono considerati una delle migliori fonti di Omega-3 di origine vegetale, ricchissimi di acido alfa-linoleico. Questo acido, meglio conosciuto con la sigla ALA, dev’essere convertito dal nostro organismo in EPA e DHA, i veri nutrienti anti-incendio e abbatti infiammazione del gruppo Omega3, ma spesso questa conversione è del tutto INSUFFICIENTE, pari solamente al 10% circa!

Per assicurarci, quindi, una sufficiente quantità di grassi ‘buoni’, bisogna ricorrere necessariamente alle fonti animali, quindi al pesce, olio di krill e agli integratori Omega 3 di olio di pesce. Per conoscerne i rapporti qualità/prezzo clicca sul link Omega 3 prezzo, e ricorda di optare per l’integratore con i migliori livelli DHA EPA Omega 3.

É solo così che si può arrivare a godere realmente di Omega 3 benefici!

Origini e proprietà delle alghe

Le alghe, consumate soprattutto in Giappone, sono un alimento molto salutare per via del loro contenuto di vitamine, minerali e antiossidanti e ne esistono oltre 25 mila specie (Kombu, Wakame, Nori, Hiziki, Spirulina).

Le loro dimensioni vanno da quelle più microscopiche ad altre giganti ed anche la loro colorazione cambia (verde, giallo, rosso, rosso-violaceo, azzurro, blu, bruno) in base all’habitat in cui vivono (scogli, fondali rocciosi, ecc.).

Le alghe, a differenza delle piante terrestri, sono più ricche di proteine (dal 5,6 % delle hiziki al 35 % delle spiruline), di carboidrati (dal 29,8 % delle hiziki al 51,9 % delle kombu) e soprattutto di sali minerali e di oligoelementi, in particolare iodio (presente in quantità da 100 a 1000 volte superiore rispetto a quella degli ortaggi), ferro e calcio.

Notevole è anche il patrimonio vitaminico:  vitamina B1, B2 e C, e anche la rarissima B12, pressoché assente nei vegetali di terra ferma. Non dimentichiamo, poi, l’alta concentrazione di Omega-3 ALA, soprattutto, nelle alghe rosse, che sono importantissimi per la salute umana a 360°.

Un componente particolarmente interessante delle alghe è rappresentato dall’algina, di cui sono molto ricche, ad esempio, le alghe brune. L’acido alginico e i suoi sali posseggono la capacità di eliminare  dall’organismo i metalli pesanti e numerose altre sostanze tossiche, come il mercurio, che si possono accumulare in alcuni tipi di pesce.

Virtù terapeutiche

Le funzioni terapeutiche delle alghe sono numerose: stimolano la tiroide attivando il metabolismo (effetto dimagrante solo negli obesi), sono tonificanti, aumentano le difese, combattono gli squilibri costituzionali, combattono i processi degenerativi dovuti all’invecchiamento ed esercitano un’azione depurativa, attivando la circolazione ecc.

Molte specie di alghe vengono usate anche a scopo terapeutico, come integratori alimentari o come base per le preparazioni cosmetiche.

L’elevato contenuto di iodio, ad esempio, rende le alghe molto utili nei casi in cui si necessiti di una terapia iodica.

Le alghe, inoltre, possono essere impiegate nella cura dell’acne giovanile, nelle terapie ipocolesterolemizzanti e nei casi di uricemia ed azotemia, essendo in grado di sottrarre una parte dell’azoto in eccesso.