La domanda di mercato per alimenti con una composizione nutrizionale adeguata per ottimizzare la salute umana e la speranza di vita sta crescendo. Tali cibi sono spesso chiamati cibi funzionali. Molti alimenti hanno tanti effetti benefici per la salute anche senza modifiche durante la produzione o la trasformazione che potrebbero essere considerati come alimenti funzionali naturali.

La composizione di alcuni altri alimenti è stata tanto modificata a causa di metodi industriali di produzione o trasformazione alimentare che potrebbero meritare di essere chiamati “alimenti antifunzionali“, in quanto i loro effetti negativi sulla salute possono superare quelli positivi.

Alcuni alimenti non possono essere caratterizzati come unicamente funzionali o antifunzionali perché i loro effetti positivi sulla salute possono dominare solo per alcuni gruppi di consumatori (a seconda delle loro specifiche esigenze alimentari, della natura dei loro problemi di malattia più importanti e della composizione del resto della loro dieta). Gli effetti negativi della salute dello stesso tipo di cibo possono essere quelli dominanti per altri gruppi di consumatori.

I prodotti ittici di mare possono essere considerati come alimenti funzionali naturali; I loro effetti protettivi possono essere spiegati in parte da elevate concentrazioni naturali di acidi grassi omega-3 a catena lunga (soprattutto nei pesci grassi), taurina e selenio. La carne è di solito considerata meno vantaggiosa di pesce per la protezione contro le malattie cardiovascolari e il cancro.

La carne di pollo, comunque, è comunemente considerata da entrambi i professionisti sanitari e il pubblico in qualità di carne salubre; È ben voluto e il consumo sta aumentando. La carne di pollo è magra, ricca di proteine ​una buona fonte di importanti micronutrienti, come lo zinco e la vitamina B12, e sostanze nutritive essenzialmente essenziali, come nucleotidi (principalmente in forma di RNA e DNA) e carnitina.

I pasti di pollo sono spesso preferiti per una cena a base di pesce, anche in tali casi quando il consumatore sa che il pesce è più salutare per quanto riguarda sia gli acidi grassi omega-3 che il selenio. Tuttavia, la concentrazione di selenio (Se) nella carne del petto di pollo in Scandinavia è solo di circa 0,01 mg / 100 g, mentre il filetto di pesce contiene circa 3 a 4 volte.

uova e colesterolo

Nella carne della coscia di polli, la quantità totale degli acidi grassi omega-3 a lunga catena dell’acido eicosapentaenoico (EPA), dell’acido docosapentaenoico (DPA) e dell’acido docosahecsenico (DHA), come indicato dalla tabella di composizione alimentare danese, è solo di circa 0,06 G / 100 g, mentre in cod è 0,26 g / 100 g e nei pesci grassi come il salmone è di circa 2,8 g / 100 g [14].

La concentrazione di acido arachidonico (AA) nel pollo è 0,09 g / 100 g, nel caos 0,02 g / 100 g e nel salmone 0,09 g / 100 g. Quindi il rapporto tra AA e la somma di EPA + DPA + DHA è 10-40 volte superiore nel pollo che nel pesce. Questi dati mostrano che oggi il filetto di pesce non è solo una fonte migliore di Se, ma anche una sorgente migliore per gli acidi grassi omega-3 rispetto alla carne di pollo e che il pesce dà un carico relativamente più basso di AA.

La composizione dell’acido grasso e la concentrazione di Se nella carne di pollo dipendono in gran parte dalla composizione della dieta alimentata agli uccelli. La composizione del mangime influenza la composizione dell’acido grasso del prodotto  ed è stato precedentemente dimostrato che l’alimentazione del pollame con acidi grassi omega-3 da olio di colza e olio di semi di lino ha migliorato il rapporto tra omega-6 e acidi grassi omega-3, dai molteplici effetti benefici, e aumentato Le concentrazioni di acido alfa-linolenico (ALA), EPA, DPA e DHA nel muscolo della coscia del pollo.

Inoltre è noto che gli integratori alimentari del lievito arricchito se aumentano la concentrazione di Se della carne di pollo e di altri prodotti animali.

Il mangime di pollo commerciale è a base di cereali (grano, orzo o mais), e il grasso aggiunto è per lo più reso grassi e oli vegetali, dando una dieta con un elevato rapporto di omega-6 agli acidi grassi omega-3. La dieta mangiata dal pollame nei loro habitat naturali è costituita da sementi, piante, insetti, ecc.

Fornendo un sacco di minerali, micronutrienti e antiossidanti vegetali e una percentuale molto più elevata di acidi grassi omega-3 rispetto agli acidi grassi omega-6 che in quei mangimi Miscele che ora sono comunemente utilizzate nella produzione di pollame commerciale.

Shares
Share This