Omega 3-Omega 6 rapporti

Le sardine sono tra i pesci più ricchi di Omega 3

Sebbene non sia stato definito il rapporto ideale omega 3 e omega-6 totale, un rapporto che si avvicina a 1: 1 o 1: 2 simile a quello dell’uomo è generalmente accettato in quanto associata ad una bassa incidenza di malattie caratterizzate da infiammazione cronica ed è  quindi auspicabile.

Nei primi anni del’900, il rapporto di assunzione tra omega 3 e omega 6 negli Stati Uniti è stato stimato a 1:5, probabilmente a causa dell’elevato contenuto e i prodotti alimentari consumati.

Oggi, in gran parte a causa dell’incremento 1.000 volte maggiore dell’uso dell’olio di soia, il rapporto di assunzione di omega 3: e omega 6 è ora di 1:10 o inferiore.

Sebbene gran parte dello squilibrio sia probabilmente dovuto all’aumento del consumo di omega-6, è stato suggerito che il rimedio più pratico sia effettivamente quello di aumentare l’assunzione di omega-3 a catena lunga o marina piuttosto che tentare di ridurre marcatamente l’assunzione  di  omega-6. Quali sono gli acidi grassi omega 3 e omega 6 e come funzionano?

Gli acidi grassi omega 3 e omega 6 sono un gruppo di acidi grassi polinsaturi essenziali (PUFAs) che svolgono un ruolo importante nella struttura della membrana cellulare, nella fluidità e nella segnalazione cellulare.

La designazione 3 o 6 è strutturale, riferendosi al doppio legame del terzo o del sesto carbonio rispettivamente dal gruppo metilico. I più comuni PUFA dietetici sono l’acido linolenico alfa-omega-3 (ALA) e l’acido linoleico omega-6 (LA), più volte consumati come oli vegetali.

La più lunga catena di omega-3, ricchi di benefici, (PUFAs) è costituita da EPA e DHA, comunemente denominati acidi grassi marini,che  sono ottenuti in modo ottimale da pesci di acqua fredda come il salmone, mentre l’acido grasso omega-6 a catena lunga (AA ) viene ottenuto in modo più efficiente dalle uova e dalla carne.

A meno che EPA, DHA e AA non siano direttamente ingerite, devono essere ottenute rispettivamente da ALA e LA. In generale, le desaturasi e gli elongasi hanno una maggiore affinità con gli ALA rispetto a LA, ma, a causa della generale assunzione che è 10 volte superiore a LA, si formano generalmente più AA che EPA e DHA.

Se vengono ingeriti o sintetizzati, i PUFAs sono conservati in triacilglicerolo, impiegati nelle membrane fosfolipidiche per l’eventuale utilizzo come substrati mediante enzimi cicloossigenasi (COX) e lipossigenasi (LOX) o usati come leganti per i recettori G. Né LA né ALA sono facilmente convertiti in prodotti lipidici bioattivi a causa dello scarso assorbimento delle membrane di fosfolipidi.

Oli vegetali sono ricchi di Omega 6 e Omega 3

Tuttavia, dal 5 al 10% di LA e ALA possono essere convertiti in PUFA a catena più lunga che vengono facilmente assorbiti in membrane fosfolipide e formano i substrati per la conversione in lipidi bioattivi.

L’omega-6 PUFA AA e i suoi derivati ​​sono importanti per un insiemi di funzioni fisiologiche diverse tra cui la prevenzione e cura dell’ infiammazione (ad esempio, attivazione di cellule T e cellule monocyte, chemotaxis),l’ aggregazione piastrinica, le molecole di adesione endoteliale, ovulazione, parto e forza muscolare.

Gli acidi grassi omega 3 EPA e DHA e i loro derivati ​​sono importanti per lo sviluppo della retina e del cervello, la funzione cognitiva e nella produzione di eicosanoidi.

Anche se la maggior parte dei mediatori lipidici bioattivi sono il risultato dell’attività enzimatica COX e LOX sui PUFA a lunga catena EPA, DHA e AA, i 15-LOX agiscono sulla catena corta LA per formare acido 13 (S) -idroxyoctadecadienoico, il quale è probabilmente cancerogeno ed è noto per aumentare la proliferazione del tumore mammario.

EPA e DHA competono con AA come substrati per gli enzimi COX e LOX, anche se EPA è un substrato più povero di AA.

Su stimolo infiammatorio, l’enzima fosfolipasi A2 rilascia AA dalle membrane di fosfolipidi. Gli enzimi COX-1 e COX-2 sono responsabili della prostaglandina E2 derivata da AA e di altre prostaglandine e trombossani serie. 5-LOX, 12-LOX e 15-LOX sono responsabili della generazione delle quattro leucotriene e delle lipossine.I leucotrieni hanno effetti chimotatici e di altro genere sulle cellule infiammatorie.

In generale, l’azione degli enzimi COX e LOX sugli acidi grassi omega 3, EPA e DHA, è quella di produrre eicosanoidi con meno affinità per i recettori corrispondenti, nonché le resolvine che bloccano il reclutamento delle cellule infiammatorie e promuovono la fagocitosi. Gli effetti  evidenti, se EPA e DHA sono presenti in quantità sufficienti rispetto all’AA, sono quelli antinfiammatori o di risoluzione dell’infiammazione.

L’azione di COX su EPA dà origine alle tre prostaglandine e tromboxani, mentre le azioni di 5-LOX e 15-LOX producono in ultima analisi leucotriene e resolvine serie-cinque. Gli enzimi LOX sono anche responsabili per le risoluzioni derivate dal DHA e l’eventuale produzione di neuroprotectine.

 

Per informarti al meglio sul mondo degli omega3, olio di pesce, olio di krill, EPA e DHA e su Omega 3 benefici clicca sugli appositi links 😉

Copyright © 2017-2018 Vedova Corporation, Lewes, DE, USA - Tutti i diritti riservati - disclaimer | termini e condizioni | privacy policy & cookies