Ricerche sull’integrazione di omega-3 e vitamina D sulla salute muscolare

Il sedentarismo prolungato,l’ipoattività come si può incontrare nel riposo forzato a letto, l’immobilizzazione a causa di eventi clinici ortopedici, o semplicemente la ridotta attività fisica abituale, sono condizioni che hanno un’alta incidenza nelle persone anziane. Un problema comune e serio, per gli adulti più anziani, è un’eventuale caduta o atrofia muscolare.

L’esercizio potrebbe essere utile in queste circostanze, ma non è sempre una prescrizione pratica; e in quanto tali, gli interventi nutrizionali potrebbero essere fondamentali.

La vitamina D è necessaria per assorbire il calcio e il fosforo nel corpo e ha dimostrato di avere un effetto diretto sul muscolo. La vitamina D svolge un ruolo fondamentale nella manutenzione ossea, nella funzione muscolare, nelle funzioni neuromuscolari e immunitarie, nella modulazione della crescita cellulare e nella riduzione dell’infiammazione.

omega 3 per evitare le infiammazioni nel bodybuilding

La principale fonte di vitamina D è la luce solare e quantità minori consumate in alcuni alimenti. Un altro modo per assicurarsi che la dose dietetica raccomandata per la vitamina D sia soddisfatta, è attraverso l’aggiunta di vitamina D.

La ricerca ha dimostrato che la vitamina D influenza sia i flussi trans-membranosi del calcio e ilfosfato nel muscolo scheletrico, sia il tasso di sintesi delle proprietà contrattili. Inoltre, la ricerca ha indicato un’associazione tra la variazione genetica del gene del recettore della vitamina D e la forza muscolare, la massa grassa e la massa corporea in donne in premenopause.

L’integrazione della vitamina D nelle donne anziane fragili con deficit di vitamina D migliora la funzione muscolo-scheletrica del 45. Rimane da vedere, in una popolazione sana senza carenza di vitamina D, se l’integrazione della vitamina D influirebbe positivamente sulla risposta delle proprietà muscolari strutturali e contrattuali all’immobilizzazione.

Ricerche sull’integrazione di omega-3 e vitamina D sulla salute muscolare

Un altro agente non farmacologico che può contribuire ad attenuare i cambiamenti associati alla immobilizzazione è l’acido Eicosapentaenoico (EPA).

L’EPA è un acido grasso polinsaturo n-3 con proprietà antinfiammatorie sintetizzate dall’acido alfa-linolenico ingerito o consumate nel pesce o nell’olio di pesce (omega-3). L’apporto adeguato (AI) per l’EPA è fissato a 1,6 e 1,1 g al giorno per uomini e donne, rispettivamente. Magee ha suggerito che l’EPA possa ridurre le citochine proinfiammatori associate all’infiammazione.

Essi hanno dimostrato in vitro che l’EPA inibisce gli effetti di TNF-α riducendo gli effetti apoptotici e consentendo la miogenesi. Precedenti ricerche hanno suggerito il potenziale di EPA omega 3, dai numerosi benefici, per aumentare la coppia isometrica e isokinetica. Non è chiaro se questo integratore avrebbe un effetto benefico durante l’immobilizzazione, dove è generalmente accettabile che vi sia atrofia muscolare, associata a una diminuzione della sintesi proteica, ma in assenza di prove insufficienti per un aumento della proteina.

È stato scelto un modello di immobilizzazione del braccio in quanto è relativamente meno restrittivo nella vita quotidiana e causa meno oneri ai partecipanti. Non vi era alcun effetto significativo nel gruppo degli integratori sulle diminuzioni della dimensione muscolare con immobilizzazione, è stata osservata una tendenza non significativa per una minore atrofia nei gruppi di trattamento.

Sulla base del maggiore declino della forza muscolare (a causa degli effetti combinati dei componenti neurali e muscolari) con disuso, è possibile che le misure funzionali siano più sensibili all’immobilizzazione rispetto ai cambiamenti strutturali.

omega 3 e struttura chimica di EPA e DHA

Pertanto, è possibile che l’EPA e la vitamina D possano conservare la funzione muscolare in misura maggiore rispetto a un placebo durante il periodo di immobilizzazione.

La domanda di ricerca, dunque, era: quale ruolo, se del caso, ha supplementazione di vitamina D o EPA per attenuare i cambiamenti associati all’immobilizzazione degli arti?

Per rispondere a questa domanda di ricerca, la coppia di isometria e isocinetica, la contrattazione agonista, l’affaticamento muscolare e gli indicatori di flusso sanguigno arterioso riposato sono stati sistematicamente monitorati, immediatamente nel post-immobilizzazione.

I partecipanti alla ricerca hanno ricevuto o ω-3 (un olio di pesce di un complesso di EPA e acido docosaheicoesanoico (DHA)), vitamina D o un placebo (lecitina). Di seguito, questi agenti sono semplicemente denominati EPA, vitamina D o placebo.

È stato ipotizzato che la funzione muscolare diminuirà, le caratteristiche muscolari di co-contrazione peggioreranno e gli indici di una funzione vascolare sana si deterioreranno con l’immobilizzazione degli arti. Si è anche ipotizzato che l’EPA sarebbe il supplemento più efficace per minimizzare questi cambiamenti, in quanto agisce sulle vie di sintesi della proteina.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi