Omega 3 per pelle, capelli, occhi e articolazioni: belli fuori e sani dentro!

Pelle capelli bellezza

Gli omega 3 non solo sono utilissimi alla salute ma anche al benessere estetico.

È stato riscontrato da molti studi del settore che, assumendo le giuste dosi, gli omega 3 vi conferiranno una pelle e capelli più sani e unghie meno fragili.

Se vi sembra strano che gli omega 3 possano essere il vostro segreto di bellezza, leggete l’articolo e vi toglierete ogni dubbio.

In questa pagina non si parlerà solo di bellezza estetica ma anche di salute, infatti gli omega 3 portano benefici anche agli occhi e alle articolazioni.

 Introduzione

Anche in natura l’aspetto e la bellezza svolgono un ruolo importante, basti pensare all’accoppiamento e alla riproduzione.

I fenicotteri o i picchi, per esempio, hanno penne dai colori meravigliosi. Anche i fiori usano lo splendore dei loro colori per attirare api o farfalle che trasportano i loro semi altrove.

In questo ambito gioca un ruolo importante l’acqua, che è responsabile dell’aspetto fresco e rigoglioso delle piante e permette al tessuto connettivo degli esseri umani di essere rimpolpato. In questo modo, almeno fino a quando siamo giovani, non abbiamo rughe.

Ma le sostanze nutritive più importanti per avere un aspetto ottimale sono gli acidi grassi essenziali, come gli omega 3, che impermeabilizzano le cellule, in modo che il tessuto non perda acqua e non si secchi.

Questo riguarda tutti i tessuti del nostro organismo:

  •  Le cellule dell’epidermide (lo strato superiore della pelle) devono essere idrorepellenti. Ciononostante, all’interno dello strato più esterno sono mantenute giovani e belle dal metabolismo con l’acqua.
  • Le cellule dei vasi, come ad esempio quelle nelle pareti venose, fanno sì che non fuoriesca del plasma nel tessuto confinante. In questo modo non si formano accumuli di liquidi, gonfiori, edemi o anche che non sia favorito lo sviluppo di malattie venose, come le vene varicose.
  • Le unghie delle dita delle mani e dei piedi devono crescere armoniosamente e rimanere flessibili, devono mostrare il meno possibile scanalature, punti sollevati o di colore diverso.
    I geni per avere un bell’aspetto esteriore sono potenzialmente presenti in ognuno di noi, ma purtroppo non possono esprimersi quando si è in carenza di acidi grassi omega 3 e altre sostanze nutritive fondamentali.
  • La luminosità degli occhi, e quindi anche la bellezza del nostro sguardo, dipende moltissimo dagli omega-3 che sono una sostanza nutritiva assolutamente necessaria per la retina e per le altre zone dell’occhio.
  • I nostri capelli possono crescere sani e forti, senza spezzarsi o senza creare doppie punte se le cellule che formano i capelli sono mantenute vitali dagli acidi grassi polinsaturi.

Omega 3 per la pelle 

La pelle è soggetta a tantissime variabili temporali come sbalzi di temperature e cambi di stagione e tutto ciò può rovinarla, rendendola sensibile e screpolata, e, in casi peggiori, lacerata.

Possiamo sicuramente proteggerci con le creme, possiamo vestirci più pesanti o più leggeri in base alla situazione richiesta, ma tutto ciò non basta, specie in situazioni di freddo pungente, che mette la pelle decisamente a dura prova.

Eppure ci sono popolazioni come gli eschimesi che riescono a vivere in zone freddissime, mantenendo una pelle sana e resistente e senza aver bisogno di mille creme e prodotti di bellezza solo perché assimilano omega 3 in gran quantità attraverso l’alimentazione.

Ma la pelle è minacciata da tantissime altre “variabili” esuli dal tempo, come acne, cellulite, ed altre malattie ad essa connesse.

L’industria della cosmesi dal suo canto, continua a sviluppare creme idratanti per la pelle. Le componenti di queste creme però si occupano di fare apparire la pelle bella all’esterno.

Fanno sì che la sostanza dell’epidermide si mantenga morbida ed elastica, in modo che si formino il meno possibile solchi, screpolature e per evitare che la pelle si secchi, ma non proteggono la pelle dall’interno.

Gli acidi grassi omega 3 presenti nelle cellule della cute sono parte del sistema difensivo che si preoccupa che non penetrino corpi estranei nella pelle. Perciò ha molto più senso introdurre acidi grassi essenziali attraverso l’alimentazione e quindi, nel metabolismo attraverso il sangue.
In questo modo, la pelle diventa più morbida e riesce anche a trattenere più acqua, anche più del peso originario di una cellula della pelle.

Gli acidi grassi della serie omega 6 sono indispensabili per prevenire i processi di disidratazione, poiché limitano la perdita di acqua dai tessuti. Sono particolarmente indicati per fronteggiare condizioni di stress per la pelle, come il fumo di sigaretta, l’esposizione al sole, l’inquinamento e tutti quei fenomeni che possono influire negativamente sull’invecchiamento cutaneo.

Mai più pelle secca! Pelle morbida e nutrita grazie agli omega 3

Quando la pelle perde troppo velocemente l’acqua, va incontro a secchezza e desquamazione.

I PUFA consentono di preservare più a lungo l’acqua nei tessuti e ripristinano l’integrità cutanea.

L’epidermide non contiene vasi sanguigni. Tuttavia, dispone di una vita interna molto vivace. Essa è protetta dall’ambiente esterno da un sottile strato di colesterolo ossidato, scorie proteica e di acidi grassi ossidati.

E’ importante evitare di rimuovere questo strato con detergenti troppo aggressivi oppure sovraccaricarlo con creme e lozioni troppo pesanti. Così facendo la pelle perderebbe la sua difesa e non riuscirebbe a respirare sufficientemente. Quindi, invecchia anche più rapidamente e perde la sua morbidezza.

Gli acidi grassi omega-3, insieme al colesterolo, sono la parte costruttiva più importante delle pareti cellulari a doppio strato nelle cellule della pelle.

Gli acidi linoleico e arachidonico possiedono proprietà nutrienti. Mostrano infatti una notevole aderenza alla cute e vengono incorporati facilmente nei fosfolipidi strutturali dell’epidermide. La loro presenza consente di mantenere più a lungo l’acqua nello strato corneo, limitandone la perdita.

Tra tutti, l’acido gamma-linoleico è il più efficace nel migliorare l’idratazione nel rallentare i processi di invecchiamento cutaneo. La concentrazione di questo acido grasso nella pelle non è molto elevata, per cui è consigliabile assumerne la giusta quantità con la dieta e utilizzare cosmetici che lo contengono naturalmente come l’olio di rosa mosqueta.

Le prime cause di pelle avvizzita, secca e screpolata sono principalmente 3:

#1. Un’alimentazione troppo ricca di acidi grassi saturi e povera di acidi grassi polinsaturi.

#2. Un tasso di colesterolo nelle pareti cellulari troppo basso, perché sussiste una carenza di acidi grassi essenziali, che attiverebbero il colesterolo nel metabolismo cellulare.

#3. Mancanza di fosfolipidi nelle membrane cellulari del doppio strato lipidico. Uno di questi fosfolipidi è la fosfatidilcolina, nota anche come lecitina.

Una cura a base di lecitina di soia può aiutare ad impermeabilizzare di nuovo le cellule e a rendere la pelle più morbida.

Quindi, così come gli acidi grassi essenziali impermeabilizzano anche la buccia di un bel pomodoro rosso, allo stesso modo l’acqua viene conservata nella nostra pelle, così da renderla tesa e luminosa.

Una carenza di acidi grassi essenziali si riflette sulle condizioni della pelle e può dare luogo a:

  • cute secca e squamosa;
  • fenomeni eritemici;
  • ipercheratosi dei dotti sebacei;
  • fragilità dei caplliari;
  • assottigliamento della cute;
  • eczemi;
  • acne;
  • psoriasi;
  • indebolimento e caduta dei capelli.

Le cause principali della carenza omega 3 sono di solito:

  • scarso apporto con la dieta;
  • eccessivo consumo di grassi saturi;
  • carenze vitaminiche e minerali;
  • abuso di alcool;
  • patologie quali diabete, cancro, infezioni.

La somministrazione di acidi grassi essenziali consente di fare regredire le manifestazioni cutanee.

Dermatite atopica

E’ ormai risaputo che questa condizione deriva da carenza di acidi grassi, che si verifica non solo per uno scarso apporto con la dieta, ma anche per un deficit nei meccanismi di conversione nei derivati a catena più lunga e insatura.

Lolio di borragine è particolarmente ricco di acido gamma-linoleico, dotato di proprietà antinfiammatorie e immunomodulanti, per questo è utile per alleviare le manifestazioni cliniche della patologia.

Acne

Gli omega 3 non riducono solo lesioni e cicatrici, come quelle dovute dal freddo, ma contribuiscono a migliorare l’umore e combattono anche le infiammazioni causate dall’acne.

L’acne è una delle malattie della pelle più note e diffuse e, negli ultimi 50 anni, purtroppo, la sua incidenza è aumentata significativamente. Un tempo l’acne era un po’ l’acronimo di pubertà ed adolescenza, ma oggi l’acne è sempre più diffusa anche fra gli adulti (soprattutto tra le donne) e l’omega 3 è la giusta risposta anche in questo caso.

L’acne giovanile è caratterizzata da infiammazione delle ghiandole sebacee, che può dar luogo a comedoni, papule, cisti e sacche di pus.

Interessa circa l’80% degli adolescenti e può essere aggravata da stress e abitudini alimentari errate, come il consumo di grandi quantitativi di acidi grassi saturi.

Supplementi a base di GLA sono molto utili per ridurre l’infiammazione e migliorare l’aspetto della cute.
L’acido gamma-linoleico corregge la comparizione del sebo e riduce l’iperconrificazione dell’infundibulo.

Omega 3 contro psoriasi e piaghe da decubito

I problemi della pelle sono spesso dovuti ad infiammazioni, e la funzione più riconosciuta degli omega 3 sono proprio le sue caratteristiche anti-infiammatorie.

Molti dermatologi prescrivono regolarmente ai loro pazienti con problemi quali eczemi, dermatiti, psoriasi e similari una dieta a base di oli omega 3 proprio per questa ragione.

Il potere levigante e nutriente dell’EPA e del DHA è perfetto per ogni tipi di pelle e per ogni età.

 

Un caso molto studiato è proprioquello degli omega 3 in relazione alla psoriasi. Già nel 1998, infatti, dei ricercatori, in Germania, avevano dimostrato la diminuzione dei processi infiammatori associati alla psoriasi con la somministrazione di una dieta ricca di omega 3.

È anche stato anche, inoltre, studiato che gli omega 3 favoriscono la guarigione delle piaghe da decubito, che colpiscono i pazienti costretti a passare lunghi periodi seduti o sdraiati nella stessa posizione.

Omega 3 contro la cellulite

Un altro disturbo che riguarda le donne e contro il quale un’alimentazione a base di pesce ricco di omega 3 può fare la differenza è l’odiatissima cellulite.

Una delle cause principali della cellulite è l’azione degli ormoni femminili che tendono ad accumulare il grasso nei cosiddetti “punti critici” quali fianchi, cosce e addome.

Sorvolando sui vari interventi con laser anti-cellulite, che contrastano il problema solo parzialmente e temporaneamente, quello che è fondamentale fare è agire sull’alimentazione ed arricchire la propria dieta di omega-3.

Ma cosa mangiare per diminuire la cellulite?

Si consiglia una dieta anti-cellulite così composta:

  • colazione con frutta di stagione e cereali integrali.
  • Pranzo con pasta o riso integrali oppure orzo o farro, accompagnati da verdura o salmone.
  • Verdure ricche di acqua e di antiossidanti, tra cui zucchine, spinaci, lattuga e pomodori. Ottimi anche la soia e i suoi derivati.
  • Frutta fresca come ciliegie, fragole, more, lamponi, anguria, pompelmo e pesche e frutta secca come ad esempio le noci, fonte vegetale di omega 3.

Omega 3 per la cura dei capelli

Secondo il credo popolare, i capelli sono la sede della forza vitale e rivestono un ruolo molto importante nella definizione di noi stessi.

Studi effettuati confermano, infatti, che i problemi connessi ai capelli, in particolare la caduta di capelli, provocano ansia e depressione in una considerevole percentuale di soggetti analizzati.

Come fare, allora, quando i capelli sono spenti, sciupati e proprio non ci piacciono?

Il deficit di omega 3 è proprio fra le cause di un cuoio capelluto secco, capelli sciupati e rischio della caduta dei capelli.

I capelli sani traggono i loro importanti acidi grassi dal loro metabolismo interno.

Essi crescono a partire dal bulbo pilifero, che risiede nel cuoio capelluto in profondità. Da questo follicolo, specialmente quanto siamo giovani, dovrebbero crescere capelli robusti, sani e di un bel colore deciso.

La cosiddetta papilla, che è come la continuazione del capello in embrione, è responsabile della scelta delle sostanze nutritive di cui ha bisogno il capello sano per crescere.

Queste sostanze sono in particolare amminoacidi e zolfo, che è introdotto da speciali amminoacidi come la caseina, nel follicolo e conferisce al capello la sua morbidezza e il suo splendore.
Gli acidi grassi insaturi sono essenziali in questo processo.

La carenza di acidi grassi essenziali può determinare la comparsa di capelli aridi e sfibrati. In casi peggiori si può arrivare alla caduta dei capelli, oltre che fragilità e doppie punte.

Ogni singolo capello contiene circa il 95% di cheratina, una sostanza cornea che si compone di tre strati:

  • il midollo interno, ricco di zolfo e lipidi;
  • la corteccia, che circonda il midollo, progettengolo;
  • le cuticole, strato più esterno, che avvolgono la chioma, proteggendola.

Nel bulbo pilifero si formano costantemente delle nuove cellule, che maturano, si spingono verso l’alto come germogli, muoiono e s’induriscono formando la proteina della cheratina.

Supplementi di olio di enotera o borragine sono indicati per mantenere idratati i capelli, rinforzarli e limitarne la caduta.

Cosa mangiare per rinvigorire i capelli?

Consumare una manciata di frutta secca al mattino come semi di lino, mandorle e noci (alimenti dall’alto contenuto di Omega 3) aiuta a coprire parte del fabbisogno giornaliero di omega 3 ed è sicuramente utilissimo per aiutare i tuoi capelli a giovarne in bellezza.

Gli omega 3 agiscono come potenti antiossidanti e, quindi, sono ideali per chi desidera preservare la bellezza dei capelli nel corso del tempo, evitando la caduta precoce e l’indebolimento causato dal passare del tempo.

Omega 3 per unghie belle, forti e flessibili

Le nostre unghie sono una sostanza cornea che ha assunto una forma piatta e che è prodotta da cellule che si suddividono facilmente.

Sapevate che…? L’unghia cresce di circa 1/10 mm al giorno e raggiunge uno spessore di 1/2 mm.

Il letto unghiate ha un aspetto roseo, perché in esso sono raccolti molti vasi sanguigni, che apportano continuamente alla cellule sostanze nutritive, in particolare, proteine, zolfo e acidi grassi.

Le unghie delle dita delle mani crescono circa tre o quattro volte più rapidamente delle unghie dei piedi.

D’estate le nostre unghie, esattamente come i nostri capelli, crescono più rapidamente che in inverno, quando tutti i processi metabolici esistenti in natura hanno un corso leggermente più lento.

Le proteine fanno in modo che le unghie abbiano una struttura solida.

Lo zolfo, conferisce loro un aspetto lucido e levigato. Questo materiale tuttavia, non trova da solo la strada nei cheratinociti che producono la massa ungueale. Dev’essere trasportato da determinati aminoacidi come la cisterna e la metionina.
Il processo è simile a quello che avviene nei capelli e nell’epidermide.


Perciò l’alimentazione dovrebbe essere ricca di zolfo, minerale contenuto prevalentemente nella verdura a foglia verde, insalata, pesce, riso e tuorlo d’uovo.

Ovunque sia necessario lo zolfo nel nostro metabolismo è anche elevato il fabbisogno di acidi grassi essenziali.

Per i cheratinociti, che producono i capelli e le unghie, gli acidi grassi polinsaturi sono una vera manna dal cielo. I cheratinociti assumono queste molecole e le includono nei llidi delle loro membrane cellulari.

Chi desidera avere delle unghie belle e flessibili deve pervio avere cura di alimentarsi in modo tale da assumere sia zolfo sia acidi grassi omega-3 nelle quantità necessarie
.

Se compaiono macchie o linee bianche sulle unghie può significare che ci sia una carenza di zinco. Quando le unghie diventano fragili, probabilmente hanno bisogno di vitamina A, che non si può metabolizzare senza acidi grassi.

Dovremmo sempre pensare che la natura ha previsto che la nostra pelle, i nostri capelli e le nostre unghie siano sempre sani e di bell’aspetto e che il loro metabolismo è programmato in modo tale da raggiungere questo obiettivo. Per questo è importante assumere tutte le sostanze nutritive necessarie!

Acidi grassi e carotene: due alleati inseparabili

I carotenoidi, sostanze coloranti e immunitarie del mondo vegetale possono essere trasportati e trasformati nel metabolismo soltanto insieme ai grassi.

Anche la vitamina D,E e K sono liposolubili, hanno cioè bisogno degli acidi grassi per potersi attivare nel nostro organismo. Un ulteriore esempio dell’importanza di assumere acidi grassi tramite l’alimentazione.

Nel corso dell’evoluzione biologica lungo milioni di anni, il tessuto cellulare gli animali più piccoli e di quelli più grandi e infine di noi esseri umani si è formato a partire da un insieme di sostanze nutritive disponibili, cioè carboidrati, proteine, vitamine, minerali, lipidi e acqua.

Omega 3 per il benessere della vista: ecco i benefici

L’abilità con la quale leggete queste righe è dovuta alla quantità di DHA (uno dei composti degli omega 3) presente nei vostri occhi.

La retina e la macula, che sono posizionate dietro i vostri occhi e vi consentono di vedere, non sono altro che la continuazione del cervello,

quindi se gli omega 3 portano grandi benefici al cervello, va di per sé, lo farà anche per gli occhi.

La retina è un po’ da definirsi come “la cellula più bisognosa”, dato che è il tessuto con la più alta capacità di ossidazione e usurabilità rispetto a tutti gli altri del nostro corpo e necessita del più alto apporto di omega 3 rispetto al resto dell’organismo.

Gli omega 3, oltre alla retina, aiutano molto anche la sensazione da occhi secchi, diminuendo l’infiammazione delle ghiandole lacrimali e accrescendo l’ “oleosità” delle lacrime.

É stato testato inoltre che, negli anziani, chi assume più DHA dagli oli contenenti omega 3 non solo avrà occhi più vispi ma anche più “giovani” e si avranno anche meno problemi di degenerazione maculare.

Non solo: gli omega 3 aiutano anche a combattere malattie come cataratta e glaucoma.

E’ stato dimostrato che gli omega 3 portano benefici anche alla salute degli occhi. Gli omega 3 possono proteggere i nostri occhi da cataratte, retinopatie, sindrome dell’occhio secco, accumulo di molecole tossiche nella retina, pressione alta dell’occhio e glaucoma.

Una vista chiara dipende da minuscoli capillari che forniscono agli occhi sostanze nutritive e ossigeno.

Scelte sbagliate di cibi possono contribuire ad indebolire la vista e portare a patologie come la DMS (generazione maculare senile), oltre che le malattie di cui si parlava sopra come sindrome dell’occhio secco e molte altre.

In ogni caso, le ricerche suggeriscono che una dieta ricca di verdura a foglia verde, noci e semi, cibi integrali, proteine magre e grassi buoni può favorire la protezione degli occhi.

Omega 3 per lo sviluppo della vista infantile

Diversi studi clinici hanno mostrato che gli omega-3 sono fondamentali per lo sviluppo infantile della vista.
Il DHA e gli altri acidi grassi omega-3 che si trovano nel latte del seno materno si trovano anche nei preparati per neonati arricchiti con queste sostanze.

Secondo un’analisi di diversi studi condotti da ricercatori della Harvard School of Public Health e pubblicati nella rivista Pediatrics, è stato rilevato che i neonati prematuri cui era stato somministrato latte in polvere arricchito di DHA possedevano una migliore acuità visuale a 2 e 4 mesi di età, se comparati a neonati prematuri cui veniva dato latte in polvere non arricchito.

E’ stato rilevato anche che quantità adeguate di DHA e altri tipi di omega-3 nella dieta di una donna incinta sono importanti nello sviluppo corretto della vista del neonato.

(Per saperne di più visitate la pagina dedicata agli omega-3 per gravidanza, maternità e allattamento !)

Secondo uno studio pubblicato nella Rivista Americana di Nutrizione Clinica, alcuni ricercatori canadesi hanno rilevato che le bambine nate da madri che avevano assunto supplementi di DHA dal quarto mese di gravidanza fino al parto, erano meno propense ad avere un acuità della vista sotto la media a 2 mesi di età rispetto alle altre bambine.

Scopri di più nella pagina dedicata agli omega-3 per la pediatria!

Omega 3 e benefici nella vista degli adulti

Come anticipato prima, diversi studi suggeriscono che gli omega-3 aiutano a proteggere gli occhi da patologie come la degenerazione maculare e la sindrome dell’occhio secco. Gli acidi grassi essenziali aiutano anche il corretto drenaggio del fluido intraoculare dall’occhio, diminuendo il rischio di pressione alta dell’occhio e glaucoma.

Stando ad un ampio studio effettuato in Europa e pubblicato nel 2008, i soggetti che avevano assunto olio di pesce (fonte eccellente degli acidi grassi omega-3 EPA e DHA ) per almeno una settimana hanno manifestato un dimezzamento del rischio di sviluppo di degenerazione maculare, comparati con soggetti che avevano mangiato olio di pesce meno di una volta a settimana.

Omega 3 per la salute e la mobilità delle articolazioni

Come abbiamo visto in questo articolo, gli omega 3 sono essenziali per il mantenimento di pelle, capelli, unghie e miglioramento della vista. Ma sapevate che aiutano anche a favorire la mobilità articolare ? 

Livelli ottimali di omega 3, in particolare di EPA e DHA non solo giovano alla salute in generale, ma sostengono anche il nostro tessuto osseo nel corso dell’intera vita.

Le ossa sperimentano continuamente un processo di rimodellamento, con conseguenti fasi di costruzione e distruzione.

La struttura e la densità sana delle ossa dipende, in larga parte, da questo delicato equilibrio tra la formazione e la disgregazione e gli omega 3 aiutano a mantenere sana la massa ossea.

In Italia sono circa 11 milioni le persone che soffrono di patologie articolari, e di questi, 5.5 milioni convivono con malattie di tipo cronico o degenerativo.

Le articolazioni, che fungono da giuntura tra le ossa, e messe spesso a dura prova da chi pratica sport, sono interconnessi tramite i tessuti connettivi.

Perché vi sia un corretto funzionamento dell’articolazione è necessario che siano presenti in quantità adeguata una serie di componenti che garantiscono che il meccanismo sia attivo.

L’usura delle cartilagini è sicuramente l’elemento che accomuna le patologie articolari.

Gli omega 3, con la loro caratteristica e valenza anti-infiammatoria, agiscono direttamente sull’infiammazione attenuandone le manifestazioni come dolore, gonfiore e irrigidimento.

Ci sono diversi fattori che contribuiscono alla salute delle articolazioni. Gli omega 3 aumentano la mobilità delle articolazioni attraverso diversi meccanismi.

  • Gli acidi grassi EPA e DHA sono in grado di diminuire l’infiammazione. Gli studi mostrano che EPA e DHA sono più efficaci rispetto a ALA per la diminuzione di diversi fattori infiammatori. EPA e DHA aumentano anche alcuni marcatori anti-infiammatori come l’interleuchina 10 (IL-10) e  il fattore di crescita trasformante beta (TGF beta).
  • Gli omega-3 possono diminuire la progressione dell’osteoartrite. EPA e DHA inibiscono l’espressione di varie proteine che contribuiscono all’osteoartrite.
    Inoltre, studi effettuati in capsule Petri, mostrano come ALA e EPA diminuiscano aspetti di danneggiamento e infiammazioni del metabolismo delle cellule di cartilagine.
  • Gli omega-3 sono incorporati nelle membrane delle cellule di cartilagine. A seconda della dose, diminuiscono gli enzimi che danneggiano la cartilagine e le citochine infiammatorie, avendo quindi effetti sulla trascrizione del gene della cellula cartilaginea.
  • Gli omega-3 sono in grado di diminuire il rischio di lesioni al midollo osseo. Uno studio condotto su 293 adulti senza osteoartrite di cui alcuni manifestavano  dolore al ginocchio mentre altri no, ha rilevato che apporti maggiori di acidi grassi monoinstauri o acidi grassi polinsaturi omega-6, erano associato ad una diminuzione di rischio di lesioni al midollo osseo.
  • Questo studio fornisce ulteriore supporto alla raccomandazione di bilanciare l’apporto di grasso e di spostare la propria alimentazione verso un consumo maggiore di cibi ricchi di omega-3, a discapito dell’apporto di omega-6.
  • Gli omega-3 corrono in aiuto ad altri aspetti del benessere delle articolazioni. Gli omega-.3 infatti possono diminuire i sintomi di indolenzimento e rigidità mattutina, articolazioni deboli e gonfie e dolore articolare. Sono anche in grado di aumentare il flusso sanguigno durante l’esercizio fisico.

Altri consigli per aumentare la mobilità articolare

  • Potete prendere in considerazione anche l’assunzione di glucosammina e condrotina solfato.
  • Chiedete consulenza ad un fisioterapista che controlli il vostro grado di mobilità e determini quali muscoli hanno più bisogno di stretching e di esercizi di rafforzamento.
  • Provate attività fisica a basso impatto sul corpo come nuoto, esercizi in acqua, camminata nell’acqua e cyclette, fino a quando non riscontrate un miglioramento del funzionamento delle vostre articolazioni.

Visita la pagina dedicata agli omega-3 e allo sport !

Conclusioni

Il dolore alle articolazioni può limitare l’attività fisica e causare insofferenza. Fortunatamente l’alimentazione e l’esercizio fisico vengono in vostro soccorso!

Oltre allo stretching e agli esercizi che rafforzano i muscoli circostanti, potete anche ricorrere all’assunzione di omega 3.

Gli omega 3 possono migliorare la mobilità articolare attraverso diversi processi biochimici come l’alterazione della biosintesi degli eicosanoidi, la traduzione del segnale e l’influenza dell’espressione genetica. 

In particolare, l’olio di pesce può anche ridurre allo stesso tempo fattori di rischio di malattie cardiovascolari.

E’ consigliato riferire sempre al vostro medico di base  quali supplementi state assumendo, inclusi i medicinali al banco come l’ibuprofene o farmaci contro le allergie.

Per informarti al meglio sul mondo degli omega treolio di pesce, olio di krill e su
Omega 3 benefici
clicca sugli appositi links 😉

Per approfondire sui benefici degli Omega-3: omega 3 cervelloomega 3 umoreomega 3 stressomega 3 depressione.

Per conoscerne altri alimenti che contengono Omega 3 (che fanno parte degli Omega 3 vegetali)
i rapporti qualità/prezzo degli  integratori Omega 3 migliori clicca sul link Omega 3 prezzo!

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica; si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un medicinale è necessario contattare il proprio medico.

Summary
Review Date
Reviewed Item
omega 3
Author Rating
51star1star1star1star1star
© 2017-2018 Vedova d.o.o., Sedejeva ulica 4, 5000 Nova Gorica, Slovenia disclaimer | termini e condizioni | privacy policy & cookies