Studi sui benefici dell’omega-3 nell’alleviare il dolore da sforzo fisico

Ventiquattre femmine allenate apparentemente sane (età: 20 ± 1 anno, massa corporea: 63,5 ± 1,6 kg, altezza: 1,67 ± 0,01 m) si sono presentate  come volontarie per uno studio di 9 settimane. Sono stati compilati questionari pre-studi per garantire che i partecipanti non avessero preso alcun integratore alimentare negli ultimi 6 mesi o che avessero avuto precedenti esperienze con un programma di resistenza prima di iscriversi allo studio.

Lo screening medico è stato attuato per garantire che i partecipanti siano esenti da eventuali problemi ortopedici o medici che potrebbero essere aggravati dal protocollo di studio.

Ogni partecipante è stato verbalmente informato dello studio così come i potenziali rischi dell’inchiesta e ha firmato un consenso informato in conformità con il Comitato Etico di revisione istituzionale dell’Università di Mary Hardin-Baylor e la Dichiarazione di Helsinki.

In alternativa, si è affermato che studiare soggetti o atleti addestrati avrebbe portato ad una variazione sostanziale dell’età di addestramento e del volume di addestramento settimanale, e questi fenomeni potrebbero aver comportato una risposta più eterogenea alla stimolazione della nona settimana.

Risultati degli studi sull’assunzione simultanea di omega-3 e vitamina D

Lo studio è stato condotto come un progetto sperimentale controllato “open label” randomizzato per cui i partecipanti conoscevano in quali gruppi di trattamento erano stati inseriti per determinare gli effetti dell’intervento dietetico sulle prestazioni, sulla composizione corporea e sui creatori biologici di overreaching, sono stati utilizzati tre gruppi sperimentali:

  • Nessun intervento dietetico (CTL)
  • Intervento alimentare senza creatina (DI)
  • Intervento alimentare più creatina (DI + C)

Tutti i partecipanti hanno completato 4 settimane di pre-allenamento (settimane 1-4) seguite da un successivo periodo di formazione di 4 settimane insieme all’intervento dietetico (settimane 5-8). Si è tentato di utilizzare un protocollo di allenamento ad alto volume di allenamento durante la nona settimana che ha coinvolto cinque giorni di sollevamento consecutivi.

Gli esercizi durante questi 5 giorni hanno sottolineato sia i grandi gruppi muscolari del corpo superiore che inferiore riducendo al minimo il riposo tra set, ripetizioni e allenamenti.

Il test di pre-allenamento (T1) ha incluso una batteria di test nel seguente ordine:

a) test di idratazione mediante refrattometria dell’urina;

b) valutazione della spesa di energia di riposo (REE) utilizzando calorimetria indiretta (Parvo Medics, Sandy, UT);

c) 1RM Test per presse per panca, sollevatore, schiacciamento posteriore e elastici.

Dopo il test di T1, i partecipanti dovevano rivolgersi al laboratorio per un periodo di pre-allenamento di 4 settimane (settimane 1-4).

Studi sui benefici dell’omega-3 nell’alleviare il dolore da sforzo fisico

Alla fine del periodo di pre-addestramento di quattro settimane, i partecipanti hanno riportato al laboratorio una batteria di test che comprendono i seguenti elementi (noti come T2):

a) Test di idratazione mediante refrattometria dell’urina

b) Valutazione della composizione del corpo tramite doppio raggio di energia (DEXA)

c) Sollevatori 1RM per la panca, il sollevatore, lo schiacciamento posteriore e gli antitrustori per aumentare i carichi durante il periodo di addestramento

L’intervento dietetico di quattro settimane per tutti e tre i gruppi è iniziato anche tra le settimane 5-8 e le diete sono state studiate dai ricercatori del Laboratorio delle prestazioni umane. Inoltre, dopo il test di T2, i partecipanti sono stati istruiti a riferire al laboratorio per un periodo di addestramento di 4 settimane (settimane 5-8).

Alla conclusione dell’ottava settimana, si è verificata una terza sessione di test (T3) che comprendeva una batteria dei seguenti test: a) una donazione di un campione di sangue venoso dopo un copioso allenamento  di notte; b) 1RM per la panca, il sollevatore, la schiena e Hip-thrusters e c) valutazione della composizione corporea tramite DEXA.

Dopo la T3 e all’inizio della settimana 9, i soggetti hanno riportato al laboratorio in uno stato di digiuno per 5 giorni consecutivi tra le ore 5 e 8. I soggetti hanno eseguito un allenamento overreaching descritto più dettagliatamente di seguito.

Naturalmente, i campioni di sangue venosi e una scala analogica visiva per dolore muscolare (DOMS) sono stati ottenuti prima degliallenamenti.

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi