Omega 3 Suicidio

suicidio

Il suicidio è la dodicesima causa di morte nel mondo, che interessa una fascia di persone compresa tra i 15-44 anni.

Secondo le stime a livello mondiale dell’Organizzazione Mondiale Della Sanità (OMS), nel 2012 ci sono stati circa 800.000 suicidi e le previsioni dicono che, i decessi per suicidio annuali, potrebbero salire a 1,5 milioni entro il 2020.

L’italia è tra i Paesi con i più bassi livello di suicidalità, avendo registrato, sempre nel 2012, circa 4000 casi.

Omega 3 suicidio indolore

Si parla di suicidio quando una persona, stanca della vita o malata in stadio terminale, decide di interrompere la sua esperienza terrena. I modi per togliersi la vita sono veramente moltissimi, ma non sempre garantiscono un esito istantaneo.

L’unica sicurezza di una morte veloce e indolore sta nell’uso di dosi precise (che differisce da istituzione ad istituzione) di determinati farmaci, come il Nembutal (barbiturito pentobarbital di sodio): per esempio, in Oregon (dove vige la Pena di morte) la dose suggerita va da 9 ai 12 grammi, mentre l’associazione Dignitas in Svizzera, Paese dove l’eutanasia è legale, ne vengono prescritti 12 grammi.

aiuto, supporto

Qualora stessi leggendo queste pagine non per curiosità o studio ma per interesse vero e proprio, ti consigliamo, come prima cosa, di chiamare l’800 860 022, il centralino della Samaritan Onlus a disposizione per ascoltare chiunque non riesca a più a vivere.

Quando tutto ti sembra troppo pesante da gestire, quando non trovi più il significato nei giorni che passano e quando anche l’appoggio di gente che conosci, amici e familiari, sembra non riuscire a bastarti più, chiama chiama l’800 860 022.  Spesso l’aiuto e la voce di una persona esterna può fare una grande differenza. Spesso si ha solo bisogno di riuscire a liberarsi, completamente, di tutto ciò che si ha dentro, anche dei più oscuri segreti, e la libertà fornita da una situazione del genere può davvero esserti utile. Provaci.

samaritan onlus, centralino pensieri suicidi

Photo credit: http://www.samaritansonlus.org/

Omega 3 suicidio assistito

Il suicidio assistito è illegale in moltissimi Paesi, in primis l’Italia, ma la Svizzera rientra tra quei Paesi dove la pratica è legale.

Dignitas è, appunto, un’associazione svizzera che permette il suicidio assistito e non si tratta di una clinica: infatti non ci sono medici, infermieri o un pronto soccorso ecc.

Dignitas permette a chiunque abbia deciso di morire coscientemente, spesso casi di malati terminali o situazioni di vita diventate ingestibili (ricordiamo il più recente caso di cronaca dell’italiano Dj Fabo, che ha scelto proprio quest’associazione per terminare la sua vita) di mettere fine alle proprie sofferenze in modo cosciente e preparato, ma, soprattutto, tramite un’azione autonoma, quindi con un auto-somministrazione di un farmaco letale, il Pentobarbitale sodico (somministrato per via orale, endovenosa o con la sonda gastrica, in base allo stato di salute del paziente).

Il tutto deve avvenire in modo cosciente e nella piena facoltà di giudizio. Prima del suicidio assistito, c’è un periodo preparatorio della durata di tre-quattro mesi.

Omega 3 suicidio di massa

In passato vi sono stati anche molti casi di suicidio di massa

Famosissimo fu quello di Jonestown, il più grande suicidio di massa della storia, avvenuto il 18 novembre del 1978, quando i 912 seguaci della setta del «Tempio del Popolo» si tolsero la vita, bevendo un cocktail al cianuro, secondo gli ordini del loro capo, il reverendo Jim Jones.

Jones, che propugnava una sorta di socialismo apostolico verso la metà degli anni Settanta, cominciò a dare segni di squilibrio credendo di essere la reincarnazione di Cristo e Lenin insieme, dicendo di essere in grado di compiere miracoli.

Messo sotto accusa, Jones prese segretamente accordi con il governo della Guyana per ottenere alcuni lotti di terreno nella giungla, dove si trasferì nel 1977 con più di mille adepti (in seguito si diffusero voci di molestie sessuali verso alcuni di essi) e diede vita alla setta del Tempio del Popolo. Ben presto, però, cominciarono i primi problemi: oltre a frodi fiscali e sequestri di persona all’interno della congregazione, molti familiari dei seguaci della setta cominciarono a rivolgersi alla polizia per far tornare a casa i loro congiunti.

Fu allora che il reverendo Jones, convinto che la Chiesa, il governo e la Cia volessero distruggerli, salì sull’altare e ordinò ai fedeli di suicidarsi. Centinaia di persone bevvero un cocktail al cianuro, facendo la fila davanti a un enorme bidone pieno di cianuro. Dopo la morte dei suoi adepti, Jones si sparò un colpo di pistola alla tempia.

Attorno a lui rimasero i cadaveri di 911 persone, il più grande suicidio di massa nella storia.

Omega 3 suicidio e un nuovo studio dell’esercito americano

Gli studi di settore hanno già appurato che gli acidi grassi Omega 3 proteggano la salute mentale, riducendo il rischio di ansia, psicosi, disturbo borderline, disturbo bipolare, depressione e altri gravi disturbi comportamentali introducendoli nella propria dieta.

Come sappiamo l’alimentazione sana è alla base di tutto ma non solo della salute fisica, anche psicologica!

Vista l’incidenza mondiale dei suicidi, un nuovo studio made in USA vuole verificare se l’assunzione di questi nutrienti, davvero “salvavita” grazie alle loro potenti azioni antinfiammatorie (l’infiammazione sta alla base della maggior parte delle malattie e patologie!), possono essere un valido aiuto per ridurre il rischio di suicidio.

I partecipanti allo studio appena accennato prima, saranno dei veterani statunitensi ad alto rischio di comportamento suicida, che dovranno assumere quotidianamente, per 6 mesi, 2 frappè arricchiti di Omega-3.

Lo studio vuol dimostrare che una regolare assunzione di integratori Omega 3 può abbassare la soglia dei suicidi ed essere di grande supporto nella terapia per superare la depressione.

Copyright © 2017-2018 Vedova Corporation, Lewes, DE, USA - Tutti i diritti riservati - disclaimer | termini e condizioni | privacy policy & cookies